Quotidiano Nazionale logo
9 apr 2022

Reati predatori e violenza: 4 rimpatriati

Una giornata movimentata per gli uomini dell’Ufficio immigrazione della questura, che hanno affrontato e risolto quattro situazioni che hanno portato al provvedimento di espulsione dal territorio nazionale di altrettanti stranieri irregolari due dei quali sono stati accompagnati in un Cpr, Centro per il rimpatrio. I primi due sono due giovani nordafricani, fermati e controllati dai poliziotti della Volante a Porto San Giorgio. Un 20enne e un 30enne algerini con piccoli precedenti per reati contro il patrimonio, certamente nuova manovalanza per la commissione di reati che aveva tentato di insediarsi nel Fermano. Di diversa e maggiore caratura sono gli altri due irregolari usciti dal carcere di Fermo dopo aver scontato la pena per i loro delitti o la misura cautelare disposta dall’autorità giudiziaria. Il primo, accompagnato in questura dai carabinieri è un 40enne romeno con precedenti per gravi reati, tutti commessi nel Fermano. Reati che spaziano dalla violenza sessuale alle lesioni aggravate, dalla rapina agli atti persecutori, dalla resistenza a pubblico ufficiale allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, ricercato per scontare le prime condanne inflittegli dal tribunale, aveva fatto perdere per alcuni anni le proprie tracce per tornare, imprudentemente, in zona, dove è stato arrestato e condotto in carcere per scontare le pene a suo carico. Anche lui è stato accompagnato in un Cpr per essere rimpatriato. Il secondo, un 30enne cittadino comunitario. A suo carico delitti contro il patrimonio e contro la persona, oltre al favoreggiamento della prostituzione, commessi in altre realtà del centro Italia e tratto in arresto in esecuzione di una misura cautelare per reati aggravati di associazione a delinquere. Riconosciuti nei suoi confronti i motivi imperativi di pubblica sicurezza che determinano la possibilità del trattenimento anche di un cittadino comunitario presso un Cpr, all’uomo, come al precedente, è stato notificato l’ordine di trattenimento del questore.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?