Scuola sempre più green Due milioni per la Molini

Ok al progetto di adeguamento del plesso di infanzia e primaria. Il sindaco: "Un anno o due di cantiere, un sacrificio per cui vale la pena".

Scuola sempre più green  Due milioni per la Molini

Scuola sempre più green Due milioni per la Molini

Una scuola ancora più moderna e ancora più attenta all’ambiente è il futuro che si apre per la scuola primaria e infanzia Molini per la quale in questi giorni sono stati approvati i progetti definitivo ed esecutivo relativi ai prossimi lavori di adeguamento sismico ed efficientamento energetico. In particolare, il miglioramento energetico verrà apportato attraverso interventi come: la sostituzione degli infissi, la sostituzione del generatore esistente con pompa di calore, l’installazione dell’impianto fotovoltaico, l’illuminazione a led a basso consumo energetico, la ventilazione meccanica controllata, in grado di rigenerare aria e la realizzazione di una cisterna di raccolta delle acque piovane per uso irriguo dell’area verde della scuola e della comunità. Pianificata anche una progettazione cromatica all’interno delle aule e del plesso.

Un investimento di circa un milione e 800 mila euro, sempre in ambito Pnrr, che può essere subito contabilizzato e garantisce un risultato notevole, sottolinea il sindaco Paolo Calcinaro, "sia per la sicurezza futura del plesso sia per l’efficientamento energetico, per la modernità ed il comfort dell’immobile. Come tutti i lavori fatti nelle scuole cittadine, medie, elementari o d’infanzia con interventi invasivi sul fabbricato, ci vorranno uno o due anni e un sacrificio momentaneo delle scolaresche: questo è successo per S. Andrea, don Dino Mancini, per la Monaldi per casi recenti ma posso ricordare anche Salvano, Capodarco, la Cavour. Ringrazio per la grande collaborazione l’ISC, la dirigente, i docenti, i genitori e le famiglie perché qui si investe sul futuro. Quello che è certo è che il plesso Molini è centrale per noi, negli ultimi anni abbiamo investito tra due ampliamenti e palestra oltre un milione e mezzo di euro sul plesso e quegli investimenti consentono di far rimanere sul posto l’Infanzia che potrà restare nei locali che furono predisposti in un recente ampliamento".

Per l’assessore ai lavori pubblici Ingrid Luciani la priorità è sempre la sicurezza dell’edilizia scolastica: "Un lavoro certosino che abbiamo sempre condotto nella consapevolezza che gli istituti scolastici cittadini di competenza comunale vanno seguiti, mantenuti e adeguati allo scopo di garantire agli alunni una scuola confortevole, sicura e funzionale. Interventi che in questo caso verranno realizzati con fondi Pnrr ma che vengono coordinati dal nostro ufficio tecnico di cui è dirigente Alessandro Paccapelo, seguiti da Daniela Diletti, da Roberta Fabiani, con i tecnici esterni che hanno redatto e curato la progettazione esecutiva Dante Cesetti e Luca Renzi".

Angelica Malvatani