Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Amandola, sequestrati 24 chili marijuana. Arrestato pensionato 71enne

Operazione della squadra mobile e della polstrada. Rinvenute anche 600 piante di canapa indiana ancora in coltivazione  

di FABIO CASTORI
Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 17:37
La droga sequestrata

Amaldola (Fermo), 4 settembre 2018 - Aveva allestito un piantagione di cannabis in un terreno montagnoso nei pressi del fiume Tenna, una zona quasi irraggiungibile, lontana da occhi indiscreti e con le condizioni climatiche ideali per coltivare marijuana. Purtroppo per lui un agente della polstrada è andato a fare jogging da quelle parti ed ha notato quella distesa di circa un ettaro e mezzo coperta di piante di canapa indiana. Il poliziotto ha subito avvisato i suoi superiori e sono entrati in azione gli uomini della squadra mobile della questura di Fermo, che, dopo appostamenti e servizi di osservazione, hanno fatto scattare il blitz.

L’operazione antidroga è stata messa segno ad Amandola, in zona Caccianebbia ed ha portato al sequestro di 600 piante di grandezza differente e in piena fioritura e altri 12 chili di marijuana, che si trovavano all'interno del garage di un casolare semi abbandonato nei pressi del terreno e che erano pronti per essere immessi sul mercato. I totale sono 24 i chili rinvenuti e che venduti al dettaglio avrebbero fruttato più di 120.000 euro.

Ideatore, promotore e coltivatore materiale della piantagione Riccardo G., un pensionato di 71 anni, che è stato rintracciato in auto e tratto in arresto. Effettuate le formalità di rito, l’uomo, su disposizione della Procura di Ascoli Piceno, competente per territorio, è stato tradotto agli arresti domiciliari nella propria abitazione di Amandola.

I particolari dell’operazione sono stati illustrati dal vicequestore di Fermo, Francesco Costantini e il dirigente della polizia stradale di Ascoli Piceno, Nadia Carletti. “Tutto è nato cinque giorni fa – ha spiegato Costantini - quando Paolo Papetti, assistente capo coordinatore del distaccamento della polizia stradale di Amandola, mentre stava facendo jogging al di fuori del suo orario di servizio, si è imbattuto in questo campo di circa un ettaro e mezzo. A quel punto ci ha avvisato della scoperta e negli ultimi giorni abbiamo approntato dei servizi di appostamento congiunti, che ci hanno portato ad identificare il titolare. Nel tardo pomeriggio di ieri, infine, siamo intervenuti bloccando l'uomo mentre era a bordo di un'auto insieme ad un'altra persona, che è però risultata estranea alla vicenda”.

Riguardo alla sostanza e alle piante sequestrate Costantini ha precisato che presentavano vari gradi di infiorescenza: Non erano tutte allo stesso grado di coltivazione. I 12 chili marijuana sequestrata, invece, si trovavano all'interno di un casolare: il loro valore al dettaglio sarebbe stato superiore ai 60.000 euro. Allo stato attuale ci è invece impossibile dire con certezza il valore della sostanza che si sarebbe potuta ricavare dalle piante: è però possibile che si sarebbe arrivati ad ulteriori 12 chili, per un introito complessivo che avrebbe potuto superare i 120.000 euro”.
Fabio Castori

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.