di Vittorio Bellagamba Nel terzo trimestre del 2020 in provincia di Fermo c’è stato un lievissimo incremento del numero delle aziende iscritte nel registro ditte della Camera di commercio. Secondo i dati di Unioncamere, InfoCamere e Movimprese, infatti, nel periodio tra luglio e settembre ci sono state 179 iscrizioni a fonte di 163 cancellazioni e quindi un saldo positivo pari a +0,008%. Mentre in molti prevedevano un crollo nel numero delle imprese conseguente alla fase congiunturale della cosiddetta ’Covid Economy’ alcuni settori...

di Vittorio Bellagamba

Nel terzo trimestre del 2020 in provincia di Fermo c’è stato un lievissimo incremento del numero delle aziende iscritte nel registro ditte della Camera di commercio. Secondo i dati di Unioncamere, InfoCamere e Movimprese, infatti, nel periodio tra luglio e settembre ci sono state 179 iscrizioni a fonte di 163 cancellazioni e quindi un saldo positivo pari a +0,008%. Mentre in molti prevedevano un crollo nel numero delle imprese conseguente alla fase congiunturale della cosiddetta ’Covid Economy’ alcuni settori sembrano reagire alla grave situazione in atto. Uno dei comprati che sta reagendo meglio è sicuramente quello legato all’applicazione della norma sul superbous del 110%.

Il superbonus stimola la nascita di imprese edili e questo consente al sistema imprenditoriale di tenere le posizioni. Le risorse per l’efficientamento energetico e la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare sembrano avere inciso sulla vitalità di un settore cruciale come quello delle costruzioni. Per i tre quarti questa crescita si deve alle piccole realtà individuali, agli specialisti nelle attività di impiantistica e di finitura degli edifici e ai posatori di infissi.

A tal proposito Luciana Testatonda, responsabile settore Installazione e Impianti della Cna Territoriale di Fermo ha spiegato: "Confermiamo che il Superbonus 110% per l’efficientamento energetico e gli interventi antisismici delle abitazioni sta generando grandi aspettative e interesse tra i cittadini e le imprese". Purtroppo rimangono ancora delle difficoltà legate all’applicazione della norma: "Rileviamo come emergano forti criticità e complessità sulle procedure per utilizzare la misura. Inoltre, l’attesa per l’operatività ha provocato un deciso rallentamento dei lavori negli ultimi mesi".

Molte sono le aziende che sono interessate dal Superbonus del 110%. "Riguardo le tipologie di interventi – aggiunge –, il cappotto termico è quello che incontra il maggior interesse, seguono gli impianti di riscaldamento e i condizionatori e l’installazione di impianti fotovoltaici. Al momento però restano molto limitate le richieste di informazioni che si sono trasformate in preventivi: gli imprenditori ci riferiscono che molti contatti di potenziali clienti si interrompono a causa di impedimenti tecnici, uniti ad un elevato livello di complessità normativa. Le difficoltà interpretative riguardano sia gli adempimenti richiesti e sia la fase cruciale di cessione del credito d’imposta".

Per chiarire i vari aspetti della norma la Cna "ha in programma per il 5 novembre alle 17.30, un webinar informativo a cui prenderanno parte anche il direttore del Confidi Uni.Co e i presidenti degli Ordini dei Geometri provinciali".