"Tamerici, giù le mani". Sul web aperta una raccolta firme

L'associazione "Flag Tag Nare" promuove una raccolta di firme online per salvaguardare le tamerici del lungomare sud di Porto San Giorgio, minacciate dall'amministrazione comunale. Un dibattito in città sull'abbattimento delle piante.

"Giù le mani dalle tamerici del lungomare sud di Porto San Giorgio". Al fuoco di sbarramento contro l’eliminazione di tali piante iniziato con la presentazione di una mozione in consiglio comunale da parte dei consiglieri di minoranza, fa seguito l’iniziativa dell’associazione “Flag Tag Nare” la quale promuove una raccolta di firme online a salvaguardia delle sopra citate tamerici tramite un post sul proprio profilo Facebook: "L’amministrazione comunale di Porto San Giorgio – vi si legge – sta approvando in questi giorni un progetto di rifacimento del lungomare sud (dal Porto alle Canossiane) che prevede il complesso e costosissimo espianto delle oltre 50 tamerici, che più di mezzo secolo assicurano ombra e decoro, con una altissima probabilità che esse muoiano. Tutto questo per mettere al loro posto qualche decina di parcheggi, che possono invece essere facilmente reperiti nelle aree circostanti. Essi toglieranno spazio ai pedoni e saranno a ridosso di una pista ciclabile di soli 2,5 metri, un’ampiezza assolutamente insufficiente ed inferiore agli standard della Ciclovia Adriatica Nazionale, di cui farà parte. Oltre a costituire una bruttura, lo scorrimento delle auto tra due file di parcheggi sarà una fonte di pericolo e rallentamento del traffico. Le associazioni firmatarie hanno da mesi denunciato questi errori grossolani, elaborando una dettagliata proposta alternativa che lascia le tamerici al loro posto". Un tema, quello dell’abbattimento, che sta creando un grosso dibattito in città.