Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 mag 2022

Tod’s, fatturato in crescita "Meglio del pre Covid"

Segnali positivi dalla trimestrale del gruppo di Della Valle. Anche se a marzo il rallentamento del settore del lusso in Cina si è fatto sentire

12 mag 2022
marisa colibazzi
Cronaca
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s
Diego Della Valle presidente e amministratore delegato di Tod’s

di Marisa Colibazzi

I segnali che aveva percepito Diego Della Valle prevedendo un beneaugurante inizio 2022 si sono concretizzati e sarebbero stati pure più significativi se non ci si fossero messi di mezzo due fattori imprevedibili: la guerra e la recrudescenza del virus in Cina, mercato che sul finire del 2021 rappresentava il 45%. C’è una profusione di segni ‘+’ davanti i risultati del primo trimestre 2022 del Gruppo Tod’s, approvati ieri dal Cda. Il dato macroscopico è quello del fatturato consolidato che ammonta a 219,6 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto al primo trimestre 2021. Ma la crescita è stata solida per i ricavi dai retail in tutti i marchi, per le categorie di prodotto e aree geografiche. Tuttavia, il presidente del Gruppo Tod’s guardando i dati pre–Covid, specifica che il Gruppo ha sì registrato una solida crescita a doppia cifra rispetto al 2021 ma che "i ricavi sono tornati a valori superiori a quelli pre- pandemia". L’andamento dei primi due mesi del 2022 è stato "molto buono per tutti i nostri marchi, in tutto il mondo, segno del grande apprezzamento dei clienti per la creatività e la qualità delle nostre collezioni". A marzo, anche la Tod’s ha risentito del rallentamento del settore del lusso in Cina, per nuove e rigide restrizioni imposte dal governo per fronteggiare i nuovi casi di Covid: "Siamo in attesa della riapertura dei negozi del Gruppo (circa il 30% sono ancora chiusi) per tornare a crescere anche su questo mercato". Della Valle ha di che ritenersi soddisfatto con i buoni ricavi dei negozi (erano 300, ora sono 318) "che sono stati superiori a doppia cifra rispetto al primo trimestre 2019 (pre Covid) grazie agli investimenti fatti nella rete distributiva e a una politica di comunicazione, di marketing e gestione delle relazioni con i clienti".

Tra i marchi brilla Tod’s che cresce in doppia cifra (+ 36%), ma bene anche Fay (+20%) e Hogan (+16%) presenti nei mercati italiano ed europeo. Bene anche Roger Vivier pur con un modesto +4%, attribuibile ai riflessi del mercato cinese. Eccellente, infine, il business nella regione Asia e Resto del Mondo (trainato da Giappone e Corea) con ricavi che hanno ampiamente superato i valori del 2021 e del 2019. Restando sui mercati esteri, infine, il Gruppo Tod’s si prepara a sbarcare in India, avendo firmato di recente un accordo di franchising pluriennale con il Gruppo Reliance per la vendita al dettaglio del marchio Tod’s in quel mercato.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?