La macchina coperta col cartone (Foto Zeppilli)
La macchina coperta col cartone (Foto Zeppilli)

Fermo, 14 giugno 2016 - Ha coperto con un foglio di cartone il vetro dell’auto della polizia municipale, dove si trovava lo strumento ‘targa system’, e si è fatto riprendere mentre lo faceva ed esultava. Non soddisfatto, ha pubblicato il video su facebook: il filmato ha avuto 52 mila visualizzazioni, ma lui si è beccato una denuncia alla Procura della Repubblica per interruzione di pubblico servizio.

E’ accaduto l’altro pomeriggio a Campiglione, mentre le pattuglie erano in servizio con lo strumento ‘targa system’, che rileva se un mezzo è in regola con la revisione e la copertura assicurativa. All’improvviso, gli agenti hanno visto scomparire le immagini trasmesse dalla telecamera al tablet in dotazione. Dapprima hanno pensato alla mancanza improvvisa del segnale internet, ma poi hanno compreso che il motivo era altro. Infatti, da un controllo al veicolo dove era installato lo strumento, hanno notato che qualcuno aveva piazzato un cartone dinanzi la telecamera, bloccando di fatto i controlli. Nessuno sembrava aver visto niente, ma la sera stessa, Fabrizio Malavolta, rappresentante fermano del Sindacato unitario lavoratori polizia locale, è stato raggiunto da una valanga di telefonate, che segnalavano la presenza di un video postato su facebook, dove si vedeva chiaramente una persona che copriva con un cartone il ‘targa system’.

«Quell’uomo – spiega Malavolta - dichiarava nel video le solite banalità, del tipo che stavamo rubando i soldi, che l’auto di servizio era nascosta e mancavano i segnali di preavviso. Peccato che per il ‘targa system’ non sia previsto alcun obbligo di segnalazione. Lo strumento, infatti, non sanziona, avvisa solo la pattuglia che un veicolo in arrivo risulta privo di assicurazione, revisione, oppure è rubato. Quindi, l’eventuale sanzione viene elevata solo se l’agente verifica che effettivamente ci sono delle irregolarità. Per quanto riguarda l’auto ‘nascosta’, era semplicemente posizionata in maniera di non dare intralcio alla circolazione anche perché nessuna norma prevede che il veicolo sia ben visibile. Quel giorno, in un paio d’ore, sono stati elevati dodici verbali, sia per auto senza assicurazione che per omessa revisione. E’ quindi plausibile che, nel tempo in cui l’apparecchio è stato oscurato, potrebbero essere passati indisturbati veicoli non a norma».

L’autore del gesto è stato identificato: si tratta di S.C., 49 anni, residente a Fermo. Per il suo comportamento, ieri mattina, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per interruzione di pubblico servizio.