Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fermo, Cgil contro il Comune. "Amministrazione in mano ai dirigenti"

Di Cosmo critica la riorganizzazione degli uffici e dei servizi: “La politica riaffermi trasparenza e partecipazione democratica” 

Ultimo aggiornamento il 29 settembre 2017 alle 14:45
Maurizio Di Cosmo (foto Zeppilli)

Fermo, 29 settembre 2017 – “L’Amministrazione concreta della città, come nella passata consigliatura, è per larga parte in mano a un gruppo di dirigenti comunali il cui comportamento ignora sistematicamente la dignità e le rivendicazioni dei lavoratori”. A lanciare l’accusa è Maurizio Di Cosmo, segretario generale della Cgil fermana.

Il sindacalista torna a chiedere con una nota un confronto sulla riorganizzazione degli uffici e dei servizi, “la cui precarietà è dovuta soprattutto al sottodimensionamento degli organici”. “Ma nelle ultime settimane – accusa – l’Amministrazione ha proceduto a spostare personale senza aprire alcuna discussione sui fabbisogni, senza svolgere le dovute ricognizioni sullo stato degli uffici e dei servizi ai cittadini”.

Piuttosto, prosegue Di Cosmo, “si procede rispondendo alle esigenze disperate di qualche dirigente o, soprattutto, spostando i lavoratori seguendo criteri punitivi o di favori ad personam”. A tal proposito, il segretario della Cgil parla di “promozioni a personale coinvolto in oscure vicende al vaglio della magistratura”.

Nel mirino finisce pure il regolamento sulla mobilità, “utilizzato senza un vero e completo confronto ma come strumento di mortificazione”, secondo il sindacalista. Il quale chiede alla Giunta “di aprire subito un serrato confronto su questi argomenti per affermare trasparenza e partecipazione democratica”. Perché “troppo spesso – riflette – la politica è stata annullata o contrastata da un apparato dirigenziale che resta incurante e spesso antitetico rispetto alle strategie dell’Amministrazione comunale eletta dai cittadini”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.