Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fermo, Lineapelle al via. Gli accessoristi all’attacco dei mercati

Ottanta le aziende del distretto impegnate. Sara Santori di Confindustria Centro Adriatico: “Affrontiamo la nostra fiera con il piglio giusto” 

Ultimo aggiornamento il 3 ottobre 2017 alle 14:19
Lineapelle

Fermo, 3 ottobre 2017 – Scocca l’ora di Lineapelle. Domani, mercoledì 4 ottobre, si apre a Milano la fiera internazionale dedicata a pelli, accessori, tessuti e modelli per calzatura e pelletterie. La 93esima edizione, che andrà avanti fino al 6 ottobre, vede ai blocchi di partenza 1.284 espositori (+3,5%) provenienti da 48 Paesi del Mondo. Sono un’ottantina le aziende del distretto fermano-maceratese.

Sara Santori, presidente della sezione accessoristi di Confindustria Centro Adriatico, è fiduciosa: “Dopo ‘the Micam’, che ha chiuso con numeri in crescita e buone aspettative, affrontiamo la nostra fiera con il piglio giusto, di chi vuole riprendersi fette di mercato”. “C’è grande attesa per vedere la reazione dei buyer alle nuove date – prosegue -, un anno fa la vicinanza con 'the Micam' ci penalizzò, siamo fiduciosi dopo questo spostamento di un paio di settimane”. Ma c’è l’incognita degli ordini, ammonisce la Santori, “perché alcuni grandi produttori hanno già terminato le campionature dell’inverno 2018”.

Occhi puntati innanzitutto sull’Italia, cuore degli affari per il settore. Ma si guarda anche all’estero, alla Russia, ma anche a Spagna, Portogallo e Nord Europa. “Le novità sono Sud Africa e Giappone – spiega la leader degli accessoristi -, ma sono mercati per aziende già strutturate”. “Così come il sud America – aggiunge -, con il Brasile e il Messico che chiedono i nostri prodotti, ma prima ci sono da superare pesanti dazi”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.