Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Micam al via, l’appello di Confindustria Centro Adriatico a banche e politici

L’11 febbraio aprono i padiglioni della fiera. Melchiorri: “Credete negli imprenditori e difendete i nostri prodotti” 

Ultimo aggiornamento il 10 febbraio 2018 alle 13:29
Giampietro Melchiorri, presidente vicario di Confindustria Centro Adriatico

Fermo, 10 febbraio 2018 – Il Micam è una buona occasione per esprimere le proprie ragioni oltre che per mettere in mostra i propri prodotti. Domani, 11 febbraio, apriranno i padiglioni della fiera Rho di Milano, dove saranno protagonisti non solo calzaturieri e buyer, ma anche politici nazionali e rappresentanti degli istituti di credito. A loro si rivolge Giampietro Melchiorri, presidente vicario di Confindustria Centro Adriatico.

“Alle banche chiediamo di valutare qualcosa in più di un semplice più o meno”, dice. “Da imprenditore – spiega – vorrei che si tornasse a valutare il progetto e la serietà dell’imprenditore stesso e non ci si fermasse ai bilanci, ai numeri”.

L’appello che Melchiorri fa ai politici non è una novità: “Meno burocrazia e rendere le aziende più competitive, dal costo del lavoro alle incentivazioni, dall'innovazione all'internazionalizzazione”. Di nuovo c’è la ricetta proposta per “fermare il falso”. Il riferimento è alle “copie perfette, anche dove ci sono brevetti che invece vengono disattesi”. “Quasi tutte – sottolinea il leader degli industriali fermani – arrivano dalla Cina”. “Quindi – chiede – il Governo deve parlare con la Cina minacciando il blocco dell’import”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.