Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Montegranaro, ecco la piccola azienda che produce le scarpe firmate Drogba / FOTO

La Emac produce le sneakers di lusso Jad. Due modelli, che a Londra vanno già a ruba 

di MARISA COLIBAZZI
Ultimo aggiornamento il 4 dicembre 2017 alle 12:34
Didier Drogba insieme con Moreno Ciccioli

Montegranaro (Fermo), 4 dicembe 2017 - Da una parte c’è un gigante del calcio mondiale, Didier Drogba, oggi attaccante dei Phoenix Rising e acclamato campione e primatista di reti con la maglia del Chelsea in Inghilterra; dall’altra c’è un’impresa micro, il calzaturificio Emac di Moreno Ciccioli, 6 dipendenti appena, quasi tutti di famiglia, che di bello ha l’artigianalità e il saper fare le vere scarpe vere made in Italy che sono vanto e lustro per il distretto calzaturiero fermano.

«Siamo piccoli – spiega Ciccioli –: un’azienda di sei persone, tutte di famiglia, con la fabbrica sotto casa. Produciamo un centinaio di paia di scarpe al giorno per la nostra linea ‘Alberto Ciccioli’ destinata alla Russia e per Baldinini. E adesso anche per Jad. Ne siamo fieri». Ciccioli ha 40 anni, ha fondato la Emac tre anni fa. Sposato e con due figli, Cesare e Maria, sta vivendo con il legittimo entusiasmo di un artigiano rampante questa opportunità che gli è capitata quasi per caso

Dall’incontro tra l’ivoriano Drogba e il montegranarese Ciccioli, il cui trait d’union è stato il giovane canadese Alexander Jordan (quando si dice quanto è piccolo il mondo) che l’artigiano ha conosciuto per caso, è nata la linea di sneakers di lusso Jad (acronimo che sta per Jordan Alexander Didier Drogba) che, a poche settimane dalla prima uscita, in uno dei più grandi negozi londinesi, Selfridges, e grazie alla curiosità mediatica che sta intorno a Drogba, ha riscosso un clamore incredibile (FOTO).

Un unico modello in due versioni, da strada (525 euro) e da corsa (690 euro).

"Quando gli abbiamo proposto il progetto, Didier si è entusiasmato"

«L’incontro con Jordan è stato del tutto casuale ed è avvenuto tramite un amico comune ma penso che fosse destino - racconta Moreno Ciccioli- . Questo ragazzo aveva intenzione di produrre sneakers. Abbiamo cominciato a lavorarci tre anni fa, pensando di coinvolgere qualche personaggio famoso amico che condividesse e volesse fare suo il progetto».

Il designato era Drogba: «Quando gli abbiamo proposto la nostra idea, Didier s’è entusiasmato, ci ha pensato un po’ su e ci ha dato il via per andare avanti. Lo ha fatto perché crede nel progetto, crede in noi», prosegue Ciccioli.

Ci sono stati diversi incontri tra l’artigiano e il calciatore che ha promesso che verrà anche a Montegranaro dove ancora non ha mai messo piede: «E’ simpatico, molto alla mano, generoso, soprattutto verso la gente del suo Paese per aiutare la quale ha creato un’importante Fondazione, e sta portando avanti altre iniziative che potrà seguire meglio quando smetterà di giocare».

Ciccioli ricorda l’emozione del primo incontro con Drogba, in un prestigioso show room a Londra: «Appena è entrato, quel palazzo ha tremato tanta è stata l’euforia e l’entusiasmo che ha suscitato in chi se l’è trovato davanti. Per gli inglesi lui è davvero un mito. Abbiamo pranzato insieme in un ristorante dove vanno i giocatori del Chelsea, e qui di nuovo feste, abbracci, un’accoglienza straordinaria per lui».

Il calciatore si è fatto realizzare un mini campionario in esclusiva: 13 paia di diversi colori

Definiti gli accordi, la macchina organizzativa si è messa al lavoro sul serio. Mentre nella piccola azienda montegranarese il lavoro della famiglia Ciccioli andava avanti, Drogba e il suo entourage pensavano alla promozione, ovviamente secondo i loro standard, contattando amici come Pogba, Drake, Beckham, Neymar che hanno potuto calzare le sneakers griffate Jad e fatte in una micro azienda marchigiana: «A lui piace talmente questo progetto che vuole portarlo avanti per farlo arrivare al massimo».

Non per niente, sono già allo studio anche gli accessori e chissà, anche una linea donna. Tre mesi fa la prima spedizione di circa 200 paia a Londra ma «ci hanno chiesto un riassortimento due settimane fa».

Nel frattempo, Ciccioli ha realizzato un mini campionario esclusivo per Drogba: 13 paia di Jad, una per ogni colore scelto dal campione. Adesso non resta che attendere la visita del campione a Montegranaro.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.