Un momento di gioco (Foto Zeppilli)
Un momento di gioco (Foto Zeppilli)

Fermo, 8 settembre 2019 -  Come perdere una partita senza subire un vero tiro nello specchio della porta: la Feralpisalò (se questa è una delle formazioni che dovrebbe fare corsa in testa alla classifica, la Fermana può vivere serena, nonostante la sconfitta) ha espugnato il «Recchioni» grazie a una incomprensione della difesa canarina, forse per mancanza di comunicazione, che ha prodotto uno sciagurato retropassaggio di Manetta che ha messo nella migliore condizione Scarsella per superare con un colpo sotto Palombo.

E’ il bello del calcio, il brutto per la Fermana, che almeno per quanto prodotto (con il portiere ospite senza ombra di dubbio il migliore uomo in campo) avrebbe almeno meritato il pari. In avvio di gara Fermana subito in pressing con Petrucci che impegna De Lucia. Passano pochi minuti 8’ ancora Fermana vicina al gol con Bacio Terracino; De Lucia gli nega il gol. Al 12’ sempre Fermana in avanti e De Lucia a parare tutto. Alla prima sortita in avanti (14’), grazie ad un regalo inconcepibile del reparto arretrato canarino, ultimo protagonista Manetta, Scarsella si inserisce e con un tocco sotto supera l’incolpevole Palombo.

La Fermana accusa il colpo e si riprende solo alla mezz'ora ma ancora De Lucia è pronto ad anticipare Cognigni. Nel frattempo giallo per Rinaldi e Magnino per gioco duro e al 41’ Maiorino, su calcio piazzato, defilato a sinistra, scheggia il palo alla destra di Palombo. Dopo un minuto di recupero l’arbitro fischia la fine del primo tempo. La partita riprende senza novità tra i ventidue in campo. Fermana in avanti con una bella combinazione (5’) Bacio Terracino, Cognigni, Petrucci che di sinistro manda a fil di palo.

All’11 Destro ridisegna la Fermana: dentro Ricciardi, Tedone e Maistrello per Isacco, Manetta e Cognigni. I canarini intensificano la pressione, ma vanno a sbattere contro un De Lucia ancora protagonista insuperabile, al 66’quando Maistretllo sale in cielo, colpisce di testa a colpo sicuro da pochi passi con il portiere ospite che salva d’istino: oppure quando all’81’ ancora Maistrello da fuori fa gridare al gol ma De Lucia si supera in angolo. Mister Zenoni annusa il pericolo, cambia cinque giocatori, finisce la partita senza punte, comanda ai suoi di far girare palla e con la Fermana oramai esausta non accade più nulla. Nonostante la sconfitta, i canarini hanno ricevuto l’applauso finale dei propri tifosi.

Il tabellino

FERMANA (4/3/3): Palombo, Manetta (11’st Tedone), Comotto, Scrosta, Sperotto; Isacco (11’st Ricciardi), Urbinati (26’st Molinari), Mantini, Petrucci (33’st Iotti), Cognigni (11’st Maistrello), Bacio Terracino.
A disposizione: 22 Gemello; Mane, Bellini, Persia, Rolfini, D’Angelo, Liguori.
Allenatore: Destro

FERALPISALÒ (4/3/2/1): De Lucia, Giani, Rinaldi, Magnino (37’st Guidetti), Contessa, Scarsella, Carraro (30’ st Pesce), Stanco (37’st Altobelli), Maiorino (26’st Ceccarelli), Zambelli, Caracciolo (33’st Legati).
A disposizione: 1 Liverani, Mordini, Altare, Bertoli, 20 Mauri, 2 Eleuteri,13 Legati.
Allenatore: Zenoni
ARBITRO: Federico Longo
RETI: 14’pt Scarsella (Fer)
NOTE: Terreno di gioco in discrete condizioni: spettatori 1.540 di cui 1.170 abbonati per un incasso di 5.865 euro. Ammoniti: Rinaldi, Magnino, Carraro (Fer), Comotto (Fm). Angoli tre a uno per la Fermana; recupero 1’+ 4’