Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fermana-Pordenone 0-0, bloccata la capolista

Ma nonostante la superiorità numerica per un’ora non riesce ad andare oltre il punto del pareggio

di MAURO NUCCI
Ultimo aggiornamento il 29 ottobre 2017 alle 18:39
Fermana-Pordenone (foto Zepilli)

Fermo, 29 ottobre 2017 - La Fermana blocca sullo zero a zero la capolista Pordenone e mette in cascina un punto prezioso. Ma deve mordersi i gomiti per non aver saputo vincere una partita giocata in superiorità numerica per un’ora: espulso, rosso diretto, Stefani per una gomitata volontaria a Sansovini.

La Fermana da ben 546 minuti non segna un gol e va avanti grazie a una fase difensiva invidiabile dove Comotto e Gennari al centro, Clemente e Sperotto ai lati la fanno da padroni. Alla Fermana è mancato il coraggio di osare e poco conta che alla fine abbia chiuso la gara con quattro attaccanti, che solo in un paio di occasioni – manovra lenta e spesso in orizzontale dei canarini, troppo timidi - sono stati messi in condizione di impensierire la retroguardia ospite. La sensazione è che a forza di gridare al lupo al lupo, nel senso che ogni squadra che arriva al “Recchioni” viene definita fortissima, i canarini tirano il freno a mano con l’idea che prima è meglio non prenderle.

Filosofia più che condivisibile se di fronte hai una formazione veramente forte. Il Pordenone di Colucci, pur con il primato in classifica e il miglior attacco del girone (18 gol) non ha dimostrato nulla di più di una formazione di media classifica: solo tanta cattiveria, gioco maschio al limite del regolamento, ma in fin dei conti poca altra roba. Anche per questo la Fermana per l’occasione persa deve mordersi i gomiti. La cronaca dice poco o nulla: da raccontare l’espulsione di Stefani e la gazzarra del Pordenone attorno all’arbitro con l’intento di far cambiare decisione al direttore di gara. Quindi un briciolo di forcing della Fermana a metà ripresa quanto i tiri di Petrucci, Lupoli e Sansovini si sono spenti contro il muro avversario. Chi infine si aspettava l’assedio finale, quando il Pordenone non ne aveva più, è rimasto deluso.

Serie C, risultati e classifica

Tabellino:

FERMANA (4/4/2): Valentini; Clemente, Comotto, Gennari, Sperotto; Petrucci (39’st Da Silva), Urbinati, Grieco, Misin (12’ st Maurizi); Sansovini (35’ st Akammadu), Lupoli (12’st Cremona).
A disposizione: Ginestra, Franchini, Forò, Gasperi, Doninelli, Mane, Equizi, King.
All.: Destro
PORDENONE (4-3-3): Perilli; De Agostini, Stefani, Formiconi, Parodi; Burrai, Misuraca, Lulli (25’ pt Bassoli); Martignano (al 23’st Ciurria), Gerardi (28’ Ruffini), Sainz-Maza (28’st Buratto).
A disposizione: 12 Zommers, 23 Nunzella, 14 Pellegrini, 24 Danza,10 Berrettoni, 27 Magnaghi.
Al.: Colucci
ARBITRO: Manuel Volpi di Arezzo
NOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 1.315 di cui 440 abbonati, incasso 9.533 euro. Ammoniti: Lupoli e Cremona (F), Misuraga, De Agostini e Ciurria (P). Al 35’ del primo tempo espulso, rosso diretto, Stefani per una vistosa quanto ingiustificata gomitata a Sansovini, sotto gli occhio dell’arbitro. Angoli 4 a 2 per il Pordenone; recupero 2’ nel primo, 5’ nel secondo tempo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.