Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni 2018 a Fermo. Centrodestra compatto: attenti ai grillini

Ceroni vuole gestire i problemi del terremoto. Arrigoni: "Certi imprenditori mi sorprendono"

di MARISA COLIBAZZI
Ultimo aggiornamento il 22 gennaio 2018 alle 06:39
Fermo, il centrodestra verso il voto (foto Colibazzi)

Porto Sant'Elpidio (Fermo), 22 gennaio 2018 - Il centrodestra, finalmente unito e felice di esserlo, si ritrova alla Piccola per chiamare a raccolta iscritti e simpatizzanti e darsi la carica giusta per le elezioni politiche del 4 marzo e le amministrative (fissate, pare, il 27 maggio) a Porto Sant’Elpidio. Nei loro interventi, i coordinatori regionali di Fi, Remigio Ceroni, FdI, Carlo Ciccioli, e Lega Nord, Paolo Arrigoni, i loro omologhi provinciali, i consiglieri comunali, Andrea Putzu (assemblea nazionale FdI) e il gradito ospite Guido Castelli (sindaco di Ascoli) alternano riferimenti allo scenario politico nazionale al lavoro da fare a livello locale.

«Vogliamo che questa città segua il buon esempio di Civitanova e Tolentino, non di Porto San Giorgio e Sant’Elpidio a Mare», dicono i vertici regionali. A più riprese vengono lanciati messaggi ai civici che ruotano intorno al candidato Alessandro Felicioni (senza mai nominarlo) per unire le forze e ritrovarsi tutti sotto un’unica candidatura.

«Per vincere bisogna creare una grande coalizione che unisca il centrodestra e le forze civiche – chiarisce Ciccioli –. Un soggetto nuovo se non ha esperienza politica nell’amministrare non ci cava le gambe, rischia di fare danni come sta accadendo a Roma con la Raggi». «Ogni partito ha un suo candidato – aggiunge Ceroni –, ma ci sono le condizioni per lavorare bene, chiunque sia il prescelto». «Stiamo lavorando per il programma – prosegue Arrigoni –; il candidato deve essere scelto in base alla rappresentatività e al consenso che può riscuotere».

Tutti messaggi di cui l’entourage di Felicioni ha preso nota e riferirà a chi di dovere. «Siamo ottimisti – afferma Ceroni a margine dell’incontro –, riusciremo a farci capire dai civici». E se così non fosse, in pole c’è pronto Giorgio Marcotulli. Riguardo la visita di Luigi Di Maio alla NeroGiardini: «Mi sorprende che imprenditori importanti condividano i 5Stelle», le parole di Arrigoni. «Dobbiamo stare attenti ai grillini che se ne vanno in giro per le nostre fabbriche – avverte Putzu – senza parlare del Made in Italy, senza conoscere i problemi del settore, parlando di tutto e niente».

Per le politiche, solo strali verso i pentastellati «che però votano sempre uniti e non litigano quando si tratta di incarichi, come succede da noi» la stoccata di Jessica Marcozzi (coordinatrice provinciale) e frecciate al centrosinistra che ha lavorato male su tutto, immigrazione, lavoro e terremoto: «Se rieletto, mi candido a gestire i problemi del terremoto» conclude Ceroni. «Il 5 marzo festeggeremo la vittoria del centrodestra – afferma Putzu – e Paolo Petrini (Pd) che tornerà a casa».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.