Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni 2018, Forza Italia: “Nelle Marche vince la continuità”

Il senatore Cangini e il commissario Fiori: “Ora bisogna ricostruire il nostro movimento politico” 

Ultimo aggiornamento il 26 giugno 2018 alle 14:18
Nelle Marche si è votato al ballottaggio in 3 Comuni

Fermo, 26 giugno 2018 – Altro che partito leggero, come si predicava fino a qualche tempo fa. Forza Italia intende mettere radici nelle Marche. Altrimenti, come dimostrano le elezioni comunali 2018, il vento del cambiamento continuerà a spirare altrove. “Il denominatore comune dell’esito del voto – commentano il senatore Andrea Cangini e Marcello Fiori, commissario di FI per le elezioni nelle Marche – è stato quello della continuità”.

Non solo a Porto Sant’Elpidio, dove Franchellucci è stato confermato sindaco al ballottaggio, ma pure ad Ancona e Grottammare, per esempio. “Non si afferma quel desiderio di cambiamento che ha travolto il centrosinistra in città, anche del centro Italia, dove governava da decenni”, riflettono i due esponenti forzisti. “Eppure – proseguono nel ragionamento – a Porto Sant’Elpidio, Ancona e Grottammare il centrodestra si è presentato unito e ha allargato la sua coalizione a numerosi movimenti civici ed espressione del territorio”.

Non è bastato. Bisogna quindi capire il perché e allo stesso tempo “cominciare la nostra azione di opposizione costruttiva e intransigente”. Allo scopo, però, serve un partito forte e strutturato. “Ora tutte le nostre energie – concludono Cangini e Fiori – si devono concentrare sull'opera di ricostruzione del nostro movimento politico (appena avviata dopo anni di assoluto abbandono), caratterizzata dalla chiara individuazione di valori e proposte dal forte contenuto identitario, una autentica e visibile attività quotidiana di radicamento territoriale attraverso la piena responsabilizzazione dei nostri amministratori locali e, infine, un radicale rinnovamento della classe dirigente attraverso l’apertura alle migliori risorse della società”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.