L’allenatore Nello Viti
L’allenatore Nello Viti
Manca sempre meno all’esordio nel campionato di Eccellenza per la Sangiustese di mister Nello Viti che, dopo un turno di riposo, nel fine settimana sarà attesa dalla probante sfida in casa della Vigor Senigallia. Un vero e proprio esordio ‘col botto’ considerando che la formazione anconetana, sulla carta una delle favorite per la vittoria finale, è reduce dal...

Manca sempre meno all’esordio nel campionato di Eccellenza per la Sangiustese di mister Nello Viti che, dopo un turno di riposo, nel fine settimana sarà attesa dalla probante sfida in casa della Vigor Senigallia. Un vero e proprio esordio ‘col botto’ considerando che la formazione anconetana, sulla carta una delle favorite per la vittoria finale, è reduce dal trionfo ottenuto in rimonta sull’ostico campo della Biagio Nazzaro. "Stiamo lavorando bene e con il solito spirito – afferma il tecnico Viti – stiamo preparando questa gara d’esordio con la consapevolezza che affronteremo una delle squadre più forti del girone, l’unica assenza sicura sarà quella di Nikola Olivieri, ma arriviamo a questo appuntamento in piena fiducia. Ora ci toccherà Senigallia e subito dopo l’Atletico Gallo Colbordolo direi proprio che, come esordio, non c’è male, visto che sono le due compagini, insieme a Valdichienti e Atletico Ascoli, più accreditate a combattere per il vertice – aggiunge –. Non so se è stato positivo essere stati fermi alla prima giornata, affrontare Senigallia in casa loro sarà una difficoltà in più, ma faremo sicuramente la nostra parte". Un torneo che ha già dato i suoi primi verdetti anche se è ancora presto per emettere dei giudizi. "Nonostante la sconfitta, Biagio Nazzaro ha dimostrato di essere una squadra attrezzata così come il Valdichienti che ha vinto su un campo difficile come quello di Gallo – spiega mister Viti –. Non ho notato risultati inattesi, ma le prime giornate possono essere condizionate da molti fattori in quanto l’inizio è un punto interrogativo per tutti considerando che ripartiamo dopo un anno di stop. Credo che i primi valori si inizieranno a capire tra almeno un mese, bisogna quindi avere pazienza, per adesso sappiamo solo che la nostra, sarà una partenza in salita".

Diego Pierluigi