Fermo, 25 settembre 2018 - «A otto mesi ho iniziato a camminare a Porto San Giorgio e lo facevo sempre col pallone vicino al piede... ci sono certe ‘breccole’ così a Porto San Giorgio». È uno degli aneddoti riferiti dallo storico capitano della Roma, Francesco Totti, ospite domenica scorsa della trasmissione ‘Che tempo che fa’ per presentare ‘Un capitano’ l’autobiografia scritta con Paolo Condò. La citazione di Porto San Giorgio se da un lato è stata accolta con piacere dai sangiorgesi, dall’altra ha fatto storcere un po’ il naso per la questione delle ‘breccole’, cioè sassi, ritenendolo un ingiusto apprezzamento per una spiaggia abbastanza curata e sabbiosa. 

(Instagram)
Al titolare dell’hotel David Palace, Luciano Scafà, memoria storica della città, il discorso delle ‘breccole’ appare poco verosimile e comunque da considerare come il ricordo di un bambino dopo tanti anni. «Certamente nell’arenile centro non c’erano sassolini – dice –, forse qualcosa nelle zone periferiche e, poi, la spiaggia già allora veniva pulita con cura». Ci sono foto che ritraggono Francesco Totti adolescente con i genitori e il fratello maggiore Riccardo a Porto San Giorio a significare che lui non vi ha trascorso l’estate soltanto da bambino: «Che una famiglia romana venisse a passare le vacanze a Porto San Giorgio non è una caso strano – sottolinea Scafà –. In quegli anni, ultimi ‘70 e primi ‘80, infatti la spiaggia era frequentata per lo più da romani, milanesi e umbri. Il turismo, anche grazie a loro, ancora reggeva pur se qualche albergo e qualche pensione iniziavano a chiudere. Certo non era più come nel periodo d’oro degli anni ‘60 quando nelle strutture ricettive registravamo addirittura 390.000 presenze, ma si continuava a vivere turisticamente. Poi la crisi negli anni ‘90».

TOTTI_23034771_204950

Ma la famiglia Totti aveva un motivo in più per frequentare la spiaggia sangiorgese: i nonni della mamma di Francesco erano di Capodarco e lei, trasferitasi giovane a Roma, tornava spesso nella frazione fermana, soprattutto d’estate. Anche dopo sposata vi trascorreva le vacanze e andava al mare a Porto San Giorgio, naturalmente con marito e figli.

TOTTI_22972584_114501
L’assessore allo Sport, Valerio Vesprini, ha rivolto un invito all’ex capitano giallorosso: «Ha iniziato a camminare a otto mesi nel nostro comune, perché non proseguire il suo cammino? Siamo lieti di invitarla per un evento in cui potrà illustrare il contenuto del suo libro e raccontare ai ragazzi come si diventa campioni e leggende sportive».