fermana

0

modena

4

FERMANA (442): Moschin; Alagna, Rossoni, Blondett, Sperotto; (61’ Bolsius), Mordini, Urbinati (27’ Mbaye), Capece (61’ Grossi), Rovaglia; (61’ Nepi), Pannitteri, Frediani (61’ Lovaglio). A disposizione: Ginestra, Piarulli, Corinus, Pistolesi, Rodio, Graziano, Bugaro, Cognigni, Allenatore: Domizzi.

MODENA (4-3-1-2): Gagno; Ciofani, Pergreffi, Ingegneri, Marotta (74’ Ogunseye), Di Paola ( 82’ Rabiu), Azzi; Scarsella (74’Armellino), Gerli, Tremolada (46’ Mosti), Minesso (68’ Giovannini). A disposizione: Narciso, Ponsi, Maggioni, Baroni, Renzetti, Duca, Bonfanti. Allenatore: Tesser

Arbitro: Michele Di Cairano di Ariano Irpino. Note: terreno di gioco in perfette condizioni. Spettatori 673, ospiti 89, per un incasso di 4.902 euro. Ammoniti: Azzi, Di Paola (Mod); Alagna, Nepi (Fer). Angoli 7 a 0 per il Modena. Recupero: 2’ pt.+3’ st.

Reti: 26’ Scarsella, 57’ Minetto, 65’ Ingegneri, 84’ Armellino (Mod)

Finisce con un poker a favore di un Modena che ha messo in campo tutto quello che la Fermana attuale non ha: qualità, voglia di vincere (gli uomini di Tesser sempre primi sulle seconde palle) e un possesso palla che ha disarmato i canarini. E ora Domizzi rischia.