Ruben Zugno

Ferrara, 2 luglio 2016 - Niente aste o attese infinite. Se, come nel caso di Marco Spissu e di Riccardo Tavernelli, il sì in casa Bondi tarda ad arrivare perché la concorrenza di team blasonati è elevata, Ferrara è già pronta a virare su altri nomi per la cabina di regia, magari tenendo un margine di budget maggiore per il cambio dei lunghi (Sylvere Brian resta ipotesi percorribile) e per i due Usa che verranno.

Ma torniamo alla cabina di regia, dove la ‘solita’ Virtus, oltre all’ambiziosa Trapani, sembrano corteggiare il regista ex Latina Tavernelli, così per cautelarsi da eventuali rifiuti che possono spiazzare, la Bondi si è rituffata a pesce su almeno altri tre candidati interessanti. Il primo è il ventenne Ruben Zugno, siciliano nazionale under 20, ma nelle ultime stagioni in terra canturina. Uscito dal contratto col team brianzolo, ora Zugno è pronto a tuffarsi sul mercato della A2 per giocare minuti veri e a Trullo piace molto.

Un altro nome interessante è il 24enne Alessandro Zanelli, nelle ultime due stagioni in doppia cifra di media a Recanati e Omegna, dove giocava anche Alessandro Cappelletti, regista 21enne monitorato anche lui da Ferrara. Tre nomi interessanti, in un mercato di play complicato, che la Bondi sta vagliando.

E sempre a proposito di registi, la neopromossa in serie B Scandiano, dove allena il centese Toto Tinti, ha espresso interesse per l’ex capitano biancazzurro Jordan Losi (nella foto) e il discorso è fattibile. Situazione fluida infine per il cambio del 2 e del 3, con Ferrara che spera di portare a casa l’interessante Martino Mastellari.