Erbario
Erbario

Ferrara, 18 aprile 2019 - Dall'erbario di Fuchs alle tavole anatomiche di Loder, un viaggio attraverso la ricerca, la didattica e la conoscenza, nei tesori librari dell’Università di Ferrara. Dopo una decina d’anni di lavori per mappare, studiare e adeguatamente archiviare i tesori documentali dell’ateneo ferrarese, oggi nella Biblioteca chimico-biologica di Santa Maria delle Grazie (via Fossato di Mortara 15) inaugura ‘Natura Naturata’, mostra che vede in campo docenti e allievi del corso di laurea in Design del prodotto industriale del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara e il Sistema bibliotecario di Unife. L’esposizione rimarrà aperta fino all’1 maggio, tutti i giorni dalle 10 alle 19.

«Il progetto è nato per sottolineare la centralità del patrimonio culturale dell’ateneo ferrarese con la volontà di veicolare il ‘mondo’ delle collezioni librarie e dei servizi delle biblioteche, insieme al patrimonio storico e architettonico dell’Ateneo», spiega Marina Contarini, componente del comitato scientifico insieme a Michele Pifferi, oltre a Davide Turrini ed Elisabetta Trincherini che hanno curato il catalogo e coordinato gli studenti. La mostra, suddivisa in quattro sezioni in base alle diverse aree scientifiche, dalla botanica all’anatomia, dalla scienza della terra alla zoologia, «vuole riprendere il concetto spinoziano per cui la vita è rappresentata da varie componenti e non solo dall’uomo; nell’esposizione, questo concetto verrà analizzato attraverso diverse illustrazioni presenti negli antichi volumi proprietà dell’Università, tra cui il testo di anatomia di Loder e l’erbario di Fuchs, che è stato anche digitalizzato e che risulta un vero e proprio censimento delle erbe conosciute nel ‘500, impreziosito da bellissimi disegni acquerellati».

La mostra, che ripercorre 500 anni di evoluzione di studi e conoscenze, renderà visibili preziose edizioni presenti nelle collezioni librarie dell’Università, ma anche le diverse competenze interne messe in campo da docenti, che hanno realizzato le schede scientifiche, dai bibliotecari e da un’ottantina di studenti del Laboratorio di Product Design 2, che hanno per l’occasione ideato il concept e progettato l’allestimento. ‘Natura Naturata’ vedrà su due piani l’esposizione dei prestigiosi volumi, mentre all’ultimo piano gli altri 13 progetti realizzati dagli studenti. «La mostra – conclude Contarini – è stata non sono un modo di dare concretezza a quanto si studia nel loro corso, ma anche per riflettere sulla conservazione del documento e la tutela del bene culturale in sé».