Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ferrara, aggressioni tra immigrati. "Non se ne può più"

Dal Caffè Vienna in via Bologna: "Tutti sanno cosa succede. Poteva essere una tragedia"

di MATTEO LANGONE
Ultimo aggiornamento il 1 agosto 2018 alle 07:18
Una telecamera ha ripreso l'aggressione

Ferrara, 1 agosto 2018 - Dalle parti del Caffè Vienna, in via Bologna, la voglia di parlare è poca. I minuti concitati di lunedì sera sono ancora impressi nella mente di chi in quel locale ci lavora. «I ragazzi che sono intervenuti sono naturalmente scossi – ci viene detto – ma sono tornati regolarmente al lavoro. È stato un brutto episodio che solo per un caso non si è trasformato in tragedia».

La sensazione, però, è che più che il Caffè Vienna, sia l’intero quartiere ad essere sotto scacco: chi spaccia attraversa quell’arteria d’asfalto ogni sera, sui marciapiedi in bicicletta, spaventando i residenti. «Non se ne può più – riprendono dal bar –: la situazione sta diventando incontrollabile. E la cosa maggiormente preoccupante è che questa gente, armata di coltelli, non ha nulla da perdere».

Ed effettivamente, la voce secondo cui gli aggressori di lunedì fossero armati in maniera pesante (si parla anche di una pistola) è confermata da alcuni testimoni oculari. Persone normali, che frequentano i locali della zona ogni giorno, ma che adesso hanno molta paura a parlare. La tentata aggressione dell’altra sera, però, è solo l’ultimo di una serie di episodi che inizia seriamente a preoccupare: «Tutti sanno cosa succede – denunciano in molti – ma nessuno sembra voler far nulla».

Così la vita prosegue, ma con l’angoscia che la prossima volta l’epilogo di un’azione simile possa assumere caratteri più drammatici. 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.