Riccardo Cavicchi, promoter di ‘Natale in Centro’, controlla le luminarie del Listone
Riccardo Cavicchi, promoter di ‘Natale in Centro’, controlla le luminarie del Listone

Ferrara, 15 novembre 2019 - Ultimi ritocchi alle casette bianche che trasformano piazza Trento e Trieste nell’ideale villaggio natalizio. Ma accanto agli stand, presto appariranno anche transenne e successivamente fioriere, per sbarrare il traffico ai mezzi pesanti.

Già oggi il transito dei camion è (o meglio sarebbe) interdetto, ma in questo caso non si tratta di una misura di viabilità, quanto di ordine pubblico. «La questura ha disposto misure più restrittive, in applicazione della circolare Gabrielli in materia di sicurezza e antiterrorismo», spiega il promoter Riccardo Cavicchi. Impegnato, ieri mattina, in un sopralluogo per capire come blindare in qualche modo il Christmas Village, pur garantendo il passaggio quotidiano a corrieri e manutentori, ma anche ai mezzi destinati al rifornimento delle stesse casette.

Il punto essenziale è che con l’inizio dell’attività del villaggio natalizio – che si inaugura domani pomeriggio –, la prescrizione della Questura è di un blocco non più limitato ai soli fine settimane, e attestato sostanzialmente agli accessi da corso Porta Reno e corso Martiri della Libertà, ma anche una delimitazione fisica del Listone. Gli unici sbarramenti esistenti, oggi, sono i cosiddetti ‘pilomat’, ovvero i paletti elettronici che vengono alzati dopo l’orario di consegna delle merci (in teoria, dal pomeriggio). Non bastano, conferma Cavicchi.

Che già ieri si era trovato di fronte a un camion carico di robuste fioriere, pronte a essere posizionate. Ma questo, alla vigilia dell’inaugurazione e con le casette in pieno allestimento, avrebbe creato grossi problemi agli operatori. Perciò, con una soluzione salomonica, si è deciso di utilizzare in questo fine settimana semplici transenne, per delimitare l’area off limits, e quindi da lunedì individuare una soluzione che garantisca quanto richiesto dalle autorità.

Questa misura entrerà in vigore al più tardi sabato 23 novembre. Per i pedoni, non cambierà nulla. Anzi, si potrà forse circolare con maggiore tranquillità nel villaggio. Idem per le biciclette (con l’avvertenza, banale, di non infilare la ruota nelle fioriere di cemento), mentre per i veicoli a motore occorrerà maggiore cautela. Le fioriere, peraltro, saranno analoghe a quelle utilizzate per delimitare piazza Cortevecchia, dove si prevede qualche miglioria per il periodo natalizio. Confermati, e anzi rafforzati, i blocchi ai due varchi principali di accesso al centro: oltre alle transenne, infatti, in corso Porta Reno e sull’incrocio dei 4S dovrebbero essere posizionate infatti altre barriere antisfondamento. Perché, in base alla circolare inoltrata dalla Questura al Comune (con prescrizioni valide per tutto il territorio nazionale) le misure di sicurezza quest’anno devono essere potenziate, proprio a salvaguardia dello svolgimento più sereno dei mercatini e delle tante iniziative che scandiranno l’arrivo del Natale e del Capodanno.

Restando alle casette, tra le 21 della Fiera del Regalo (le altre 16 sono gestite dai promotori del Natale a Ferrara) spuntano due novità: la pasticceria ‘Food Italiy’ e l’azienda di gastronomia ‘Da Lara’, che proporrà i tipici cioccolatini cuneesi. Un villaggio, perciò, sempre più mangereccio, con dieci stand di dolci, piadine, prodotti agricoli o di gastronomia tipica, a fronte di undici che vendono gioielli artigianali, addobbi natalizi, bijoux etnici, libri e accessori per l’abbigliamento.

La Fiera del Regalo è attiva dal 1976, promossa dal relativo consorzio di commercianti (emanazione in qualche modo della Confesercenti). Le casette saranno aperte tutti i giorni dalle 9 alle 20, e l’inaugurazione di domani precederà di poco la cerimonia di accensione delle luminarie natalizie .