Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 apr 2022

"Ben venga il vessillo della Brigata Ebraica alla festa del 25 aprile"

23 apr 2022

Caro Carlino,

ho letto con estremo interesse l’intervista a Davide Romano, direttore del Museo della Brigata Ebraica a Milano. E saluto con vivo piacere la presenza del vessillo di tale unità militare a Ferrara, in occasione del 25 aprile. Sono rimasto colpito da una frase, forse non “politically correct” ma meritevole di attenzione, pronunciata dallo stesso Romano, secondo cui l’antifascismo, di per sè, non è sinonimo di democrazia. Dice infatti Romano che “dietro l’antifascismo ci sono anche stalinisti, simpatizzanti delle dittature cubane, russe...”. Credo che abbia ragione. L’antifascismo è condizione necessaria ma non sufficiente per considerarsi militanti della democrazia e della libertà. Se l’antifascismo serve (come servì) a coprire la verità sulle fosse di Katyn o copre l’indegno comunicato dell’Anpi sulla strage di Bucha (che secondo Flores d’Arcais “è osceno e infanga i valori della Resistenza”), penso proprio che di un simile antifascismo (o pseudo-antifascismo) possiamo anche fare a meno. Non dimentichiamo, a proposito di Stalin e stalinisti, il patto Molotov-Ribbentrop che permise all’Urss di aggredire la Finlandia , poi la Polonia in accordo con Hitler, invadendo Lituania, Estonia e Lettonia. Chi, in nome dell’antifascismo, ha cercato di imporre un totalitarismo di segno diverso (o lo difende ancor oggi) non merita di essere considerato un difensore dI libertà e democrazia.

Bruno Cavalieri

* * *

UNA VIA A GINO STRADA?

CHE DELUSIONE

Caro Carlino,

leggo con vivo disappunto che l’attuale giunta, nella persona dell’assessore Gulinelli, ha deciso di intitolare una via a Gino Strada. Gluinelli e sodali facciano ciò che vogliono, ma di sicuro non avranno il mio voto alle prossime elezioni. Con tanti ferraresi che attendono l’intitolazione di una via e dopo che in passato la commissione toponomastica ha detto che di vie da intitolare, al momento, non ce n’erano più,si trova il modo di intitolare una via o una piazza (dove poi?) a un personaggio che, dopo essere stato il vice-responsabile dei gentiluomini che costituivano il servizio d’ordine del Movimento Studentesco milanese ( i famigerati “katanghesi”) , definì pure una “barbarie” l’intervento della Nato (e dell’Italia) in Afghanistan. Avrei capito, al limite, l’intitolazione di una struttura sanitaria ma una consacrazione pubblica con una via o una piazza proprio no. L’attuale giunta, sul piano culturale, somiglia sempre più “sinistramente” a quella precedente.

Mauro Marchetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?