Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Bergamini (Lega): "Prezziari fermi e crisi delle materie prime La Regione solleciti il Governo"

"Per i Comuni colpiti dal sisma del 2012 questo significa blocco dei cantieri"

"Materie prime alle stelle ed opere della ricostruzione post-sisma ferme al palo. Chiediamo alla Regione di interessare al più presto il Governo, per autorizzare i maggiori stanziamenti alle imprese, le quali hanno visto ridursi sensibilmente gli utili per i cantieri relativi alla ricostruzione post-sisma". Il consigliere regionale della Lega, Fabio Bergamini (foto), si fa portavoce della protesta del settore delle costruzioni, con le aziende che invocano maggiori margini di manovra, per poter sostenere il peso dei lavori della ricostruzione. "I finanziamenti sono legati a prezziari fermi al 2015, quando concetti come il rincaro delle materie prime dovuto al post-pandemia e la guerra in Ucraina (con relative sanzioni) erano inesistenti. Il prezzo dei materiali è cresciuto, in alcuni casi nell’ordine di tre cifre percentuali. E’ incredibile che le aziende che si sono aggiudicate gli appalti debbano oggi lavorare per importi stabiliti quando la crisi dovuta ai rincari non c’era". A fine marzo, i comuni del cratere emiliano hanno incontrato il sottosegretario alla Presidenza regionale, Baruffi, "che avrebbe espresso l’impossibilità dell’Ente commissariale di stanziare risorse ulteriori, in mancanza di uno specifico decreto del Governo che autorizzi la spesa. Vista la carenza sul mercato di acciaio, legname, ponteggi e quant’altro, chiediamo alla Regione di fare presto. Per non paralizzare opere indispensabili per i territori colpiti dal sisma".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?