Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

BF, ok al bilancio: fatturato a 269 milioni

Approvato l’esercizio 2021. Il valore della produzione è passato da 97 milioni di euro nel 2020 a 269 milioni di euro nel 2021

Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi
Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi
Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi

Via libera dell’assemblea degli azionisti di Bonifiche Ferraresi al bilancio 2021. L’esercizio si è chiuso con un valore della produzione passato da 97 milioni di euro nel 2020 a 269 milioni di euro nel 2021. L’Ebitda è passato da 10 milioni di euro nel 2020 a 16 milioni di euro nel 2021. Le variazioni sono imputabili alla variazione del perimetro di consolidamento, con l’inclusione, a partire dall’1 ottobre 2021, di Consorzi Agrari d’Italia Spa che sancisce la realizzazione del percorso di integrazione della filiera agro-industriale. L’assemblea ha inoltre deliberato la destinazione dell’utile di esercizio e la distribuzione di un dividendo complessivo pari a 0,030 euro per azione. pari a complessivi 5,6 milioni di euro. È stato inoltre nominato il consiglio d’amministrazione per il triennio 2022-2024 e risultano nominati amministratori dunque fino all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2024: Giuseppe Andreano, Maria Teresa Bianchi, Michele Pisante, Federico Vecchioni, Rossella Locatelli, Gianluca Lelli, Stefania Quintavalla, Emilio Giorgi, Gabriella Fantolino, Claudia Sorlini, Andrea Bignami. Alla data di nomina, sulla base delle informazioni rese disponibili alla società, l’amministratore Federico Vecchioni detiene, direttamente e indirettamente, tramite Arum Spa ed Elfe Srl azioni rappresentanti il 19,79% del capitale sociale della società. Bonifiche Ferraresi è una holding di partecipazioni, quotata alla borsa di Milano. Tra i suoi azionisti investitori istituzionali, istituti di credito ed imprenditori privati.

La società è attiva, attraverso le sue controllate, in tutti i comparti della filiera agroindustriale italiana: dalla selezione, lavorazione e commercializzazione delle sementi, alla proprietà dei terreni dai quali si ricavano prodotti agricoli 100% Made in Italy (attraverso Bonifiche Ferraresi Spa società agricola, la più grande azienda agricola italiana per superficie agricola utilizzata), alla loro trasformazione e commercializzazione attraverso un proprio marchio di distribuzione (‘Le Stagioni d’Italia’) oppure in partnership con le più importanti catene della grande distribuzione. La società è anche presente nel mercato della commercializzazione, produzione ed erogazione di servizi e prodotti a favore degli operatori agricoli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?