Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 mag 2022

"Caso Alpini, solidarietà ad Alvisi Dimissionata dal Pd"

18 mag 2022

Caro Carlino,

lo sport più in voga del momento è la diffamazione degli Alpini. Poco importa se hanno dato l’anima durante la pandemia (qualcuno ricorda la loro presenza all’hub vaccinale, in Fiera?). Ora è “politicamente scorretto” difenderli. Ne sa qualcosa Sonia Alvisi, riminese, esponente PD e consigliera di parità in Regione. Dopo il caso sollevato dalla nota della Conferenza delle donne del Pd di Rimini, nei giorni scorsi, sulle segnalazioni di molestie dell’adunata Alpini, che invitava a evitare “toni accusatori e qualunquistici” e chiedeva alle donne di sporgere formali denunce, la coordinatrice, Sonia Alvisi (firmataria della nota) si è dimessa. O meglio “è stata dimessa” dai vertici romani. Le sue affermazioni hanno infatti irritato il segretario Enrico Letta e la leader nazionale delle donne PD, Cecilia D’Elia, che ha sconfessato la dem riminese dichiarando che le argomentazioni della Alvisi “non rispecchiano in alcun modo i nostri orientamenti e le nostre battaglie”. A tali dichiarazioni ha replicato la Alvisi nei seguenti termini: “Ho fatto un comunicato ragionevole in cui sollecitavo le donne che sono state molestate a denunciare le molestie subite. Tutto questo non significa mettersi dalla parte dei molestatori, ma significa anche non accusare tutti gli Alpini di esserlo e significa portare i colpevoli nei luoghi istituzionali della giustizia. Al messaggio è stata data un’interpretazione sbagliata. Non mi spiego questo attacco personale lesivo della mia storia professionale e politica a difesa delle donne”. Desidero, a questo punto, esprimere la mia personale e convinta solidarietà a una donna battagliera e coraggiosa come Sonia Alvisi, emarginata per aver detto cose sensate e ragionevoli ma non in linea con l’attuale atteggiamento ostile agli Alpini e ai loro valori. Mi auguro che anche le donne PD di Ferrara esprimano solidarietà a Sonia Alvisi, fino a ieri stimata e apprezzata e oggi trattata come un’appestata per aver detto ciò che, in coscienza, riteneva giusto.

Mauro Marchetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?