Chiocciola+Lab: è l’eccellenza del gusto

Partito il progetto gluten free per lo storico ristorante di Quartiere e che servirà anche privati e grossisti

Chiocciola+Lab: è l’eccellenza del gusto

Chiocciola+Lab: è l’eccellenza del gusto

Finalmente ci siamo. Il progetto ’Quinoa lab’, eccellenza del ristorante La Chiocciola di Quartiere, è ufficialmente partito. "Dopo anni di studio e di grande lavoro – spiega lo chef Athos Adalberto Migliari – abbiamo aumentato il gusto. Siamo molto soddisfatti e convinti che i prodotti saranno apprezzati". Dai clienti della Chiocciola innanzitutto, ma il ’lab’ sarà a disposizione anche di grossisti, privati e di tutti i locali che richiederanno i prodotti che usciranno direttamente dal laboratorio artigianale, specializzato in alimenti gluten free. Si tratta del primo laboratorio in provincia di Ferrara a base di quinoa, un cereale proteico naturalmente privo di glutine "e per il genere molto conosciuto abbiamo identificato il nome all’attività". La sede è quella di Marrara, nel locale che il mitico Ido Migliari aveva aperto come primo ristorante della famiglia.

Ma come è nata l’idea di affiancare un laboratorio al collaudatissimo ristorante di Quartiere? Lo spiega Migliari con grande soddisfazione: "Da una esigenza familiare, quando cioè tre anni fa abbiamo scoperto che Filippo, nostro primogenito, era celiaco. Durante il Covid ho iniziato a studiare nuovi prodotti testandoli direttamente su di lui, su qualche collega dello staff e su alcuni clienti".

Dalla ciabatta alla focaccia, dalla pizza napoletana alla piadina romagnola, oltre a qualche prelibatezza dolciaria: tutto rigorosamente senza glutine. "Ogni produzione viene fatta ex novo – continua lo chef – e tutto quello che viene proposto alla Chiocciola, di quest’ambito, parte dal nostro laboratorio". Dove sono operative, con Migliari, la moglie Arianna, che cura la parte prettamente burocratica, e Angelica, che segue gli iter produttivi. "Con le chiusure del Covid – prosegue Migliari – non vedevamo un grande futuro davanti a noi, così abbiamo preso la palla al balzo, abbiamo interrogato il mercato per sapere che cosa mancava ed è nata questa idea del ’buono’ per accrescere il gusto". Un’arma del sapore in più per tutti i palati della Chiocciola, inaugurata nel 1998, e non solo.