Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
20 mag 2022

Consulte, nuove regole "Visibilità e collaborazione"

Il vicesindaco Picariello ha illustrato le modifiche: "Saranno attivate mail e profili istituzionali per rendere più accessibili le sedute delle assemblee"

20 mag 2022
Il vicesindaco Vanina Picariello
Il vicesindaco Vanina Picariello
Il vicesindaco Vanina Picariello
Il vicesindaco Vanina Picariello
Il vicesindaco Vanina Picariello
Il vicesindaco Vanina Picariello

CENTO

Migliorare il lavoro delle Consulte civiche del territorio, che rappresentano un ‘ponte’ tra i cittadini e l’amministrazione comunale. È solo uno degli obiettivi che la giunta Accorsi intende perseguire attraverso le modifiche che sono state apportate al Regolamento delle Consulte di frazione che è stato approvato a maggioranza nel consiglio comunale di mercoledì sera. Ad illustrare le novità che sono state introdotte, a seguito di un lungo percorso, è stata la vicesindaco e assessore al Decentramento Vanina Picariello, che ha tenuto a ringraziare gli uffici comunali, il segretario generale, nonché gli stessi componenti delle Consulte per il lavoro che è stato svolto. Tra le principali novità, vi è l’introduzione della figura del vicepresidente; inoltre, il Comune provvederà a dotare ogni Consulta di un account e-mail, e di un profilo social per la comunicazione e la pubblicizzazione delle sedute degli organismi di frazione. "Inoltre – ha spiegato Picariello – verrà assicurato il funzionamento delle Consulte durante l’avvicendamento dell’amministrazione comunale. Viene anche introdotta una importante presa di responsabilità da parte del consiglio comunale delle dimissioni da parte di un consultore, inserendo un termine di tre mesi dalla protocollazione per procedere alla surroga con nuovi consultori".

È stato anche introdotto un termine entro un anno in caso di Consulte i cui componenti in carica siano in numero inferiore alla metà dei componenti per provvedere a una nuova elezione della medesima Consulta. Inserita anche la promozione della collaborazione tra Consulte per temi comuni a più aree integrate, "in quanto – ha specificato la vicesindaco – le Consulte sono rappresentative delle singole aree integrate di riferimento e, se si verifica un problema territoriale comune a più Consulte, è possibile riunirsi in maniera coordinata. Proposti anche i patti di collaborazione. È stato altresì introdotto un termine un po’ più ampio per consentire alle Consulte di esprimere pareri (da 10 a 15 giorni) e "di inviare un parere in tempo utile ai fini per cui vengono richiesti". È stato fissato un termine del 15 settembre di ciascun anno, ove ogni Consulta potrà proporre all’amministrazione comunale interventi ritenuti necessari all’interno dell’area integrata di sua competenza: "Con questo articolo – ha spiegato Picariello -, le Consulte possono partecipare attivamente alla programmazione con le tempistiche che ne consentono l’effettivo esercizio". Sono solo alcune delle novità che sono state previste, allo scopo di migliorare il lavoro e anche la partecipazione dei cittadini alle sedute delle Consulte. La delibera è passata con l’astensione di Fratelli d’Italia.

Valerio Franzoni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?