Credem e il rapporto con la città tra cultura e impegno finanziario

Credem rafforza il suo legame con Cento: il consiglio di amministrazione ha visitato la sede centese della banca e ha sperimentato il progetto Spazio Credem, che valorizza e tutela i beni storici della città. Prestiti e nuovi patrimoni sono stati erogati nel territorio.

Credem e il rapporto con la città tra cultura e impegno finanziario

Credem e il rapporto con la città tra cultura e impegno finanziario

CENTO

Credem rafforza il legame con Cento: il consiglio di amministrazione si è riunito venerdì nella sede centese della banca e, nell’occasione, ha voluto sperimentare in anteprima il progetto Spazio Credem, che nasce per valorizzare e tutelare i beni storici, artistici e architettonici del Gruppo, e che, a partire dal prossimo anno, si arricchirà con la riapertura al pubblico di Palazzo Rusconi tramite visite guidate e gratuite organizzate dalla banca. Gli esponenti del consiglio di amministrazione hanno dunque potuto effettuare un sopralluogo al cantiere della Pinacoteca di prossima apertura, alla quale Credem lascerà in deposito 6 opere della sua collezione d’arte, tra le quali il Matrimonio mistico di Santa Caterina di Guercino, capolavoro giovanile del pittore centese, per offrire un significativo contributo a un luogo fondamentale dell’identità cittadina. L’istituto, confermato anche nel 2023 dalla Banca centrale europea tra i solidi a livello nazionale ed europeo, a due anni dall’integrazione della Cassa di Risparmio continua a sostenere l’importante tessuto economico e sociale dell’area di Ferrara e Cento in cui è presente con oltre 20 punti.

Nei primi sei mesi dell’anno, sono stati oltre 16 i milioni di euro di prestiti erogati nel territorio e quasi 35 i milioni di euro di nuovi patrimoni affidati al Gruppo. Negli ultimi mesi sono stati avviati anche investimenti per rinnovare i locali dedicati all’accoglienza della clientela in via Matteotti a Cento. Recentemente a Cento anche la settima tappa dell’Innovation Breakfast Tour, incontri per presentare storie e progetti di innovazione in aree del Paese di particolare interesse, scegliendo CPR System di Gallo, Fava S.p.A. di Cento e Vetroresina S.p.A. di Masi San Giacomo per raccontare le iniziative che stanno adottando per un approccio sostenibile nei processi di produzione e consumo. "L’area di Cento rappresenta un esempio di come tradizione e innovazione possano coesistere e di come il nostro Paese disponga di eccellenze locali capaci di avere un ruolo di primo piano in diversi settori – dice Lucio Igino Zanon di Valgiurata (foto) - A 2 anni dall’integrazione della Cassa di Risparmio di Cento in Credem possiamo affermare che questa sinergia ha portato vantaggi ai clienti".