Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 giu 2022

Elio, Insegno e Ricciarelli Il Borgatti cala i suoi assi

Tanti protagonisti nella stagione presentata ieri. Palco nuovo e più lungo . L’assessore Bidoli: "Sono nomi che porteranno Cento in giro per l’Italia"

16 giu 2022
Elio aprirà la stagione in Pandurera
Elio aprirà la stagione in Pandurera
Elio aprirà la stagione in Pandurera
Elio aprirà la stagione in Pandurera
Elio aprirà la stagione in Pandurera
Elio aprirà la stagione in Pandurera

Gustosa anteprima ieri della Fondazione Teatro Borgatti per quella che sarà la stagione della prosa in Pandurera. Ad essere annunciati sono infatti i nomi di Elio, che aprirà la stagione con "Ci vuole orecchio", uno show che ripercorre i brani e gli aneddoti del cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, Enzo Iannacci. Poi, Ettore Bassi, Lucrezia Lante della Rovere, Vito, Moni Ovadia, Katia Ricciarelli, Pino Insegno, Nadia Rinaldi, Tosca D’Aquino e Giampiero Ingrassia, e 2 importanti produzioni, ovvero il progetto musicale "Cabruja", lanciato dall’Over studio di Raul Girotti, realizzato con Denis Biancucci che si trasformerà in evento di danza con le coreografie di Michele Merola, e il progetto corale sulla figura di Giuseppe Verdi, denominato "Verdi l’Italiano".

Realizzazioni che porteranno il nome di Cento e della Fondazione Borgatti in giro per l’Italia. Un antipasto, per così dire, che serve anche per riportare l’attenzione sulla necessità del teatro di avere sostenitori. È infatti a tutti che la Fondazione si rivolge, chiedendo un contributo a chi desideri unirsi alla grande famiglia del teatro. "Ho trovato uno splendido team propositivo, collaborativo e con il quale sto lavorando con piacere ottenendo risultati che si sono vsiti anche nel carnevale – ha aperto l’asssessore Silvia Bidoli –, un ottimo dialogo che si nota anche nella stesura della rassegna estiva che sta per iniziare e continuerà nella nuova stagione teatrrale". E molta più attenzione sarà data alle scuole. "Abbiamo costruito un programma eeslosivo in tutto il suo venataglio di proposte – ha proseguito Giorgio Zecchi, presidente della Fondazione –, per quanto riguarda il rapporto con le scuole, quest’anno metteranno in scena Shakespeare ma l’idea è di allargare anche ad altri istituti, per fargli apprendere la parte tecnica e delle luci, ma anche la scenografia, e perchè no, anche la storia del costume e la costumistica. Vorremmo essere capaci di riempire cervelli, anime e cuori con la cultura. Stiamo anche pensando a un minifestival rock con band locali come quelle delle scuole, creando anche una ventata di gioventù, una maratona di danza di realtà di Cento e dintorni, e coinvolgere le scuole di musica e di canto. Infine, sarà più stretto il rapporto con il Festival di letteratura e metteremo in scena ‘Il gatto con gli stivali’". Novità anche per il palco della Pandurera, che da settembre sarà allungato di 4 metri. Il direttore artistico Andrea Bianchi ha parlato anche di incontri tra gli attori, studenti e pubblico, la musica classica che animerà le chiese centesi per unire musica e arte, poi il jazz ccon la collaborazione del Don Zucchini, attenzione anche al pop, il concerto di cori verdiani e tante altre iniziative.

Laura Guerra

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?