Energia rinnovabile, è nata ’Cento Cer’

Si tratta di una Comunità promossa dal Comune che unisce un gruppo di soggetti che si scambiano la produzione.

Energia rinnovabile, è nata ’Cento Cer’

Energia rinnovabile, è nata ’Cento Cer’

CENTO

Grazie alla partecipazione di otto aziende e due onlus nasce "Cento Comunità’, la Comunità Energetica Rinnovabile promossa dal Comune che diventa uno dei primi Italia a realizzare questa esperienza. Si tratta di gruppi di soggetti che, in una determinata area geografica di prossimità, possono scambiarsi l’energia formata da soci produttori mediante impianti fotovoltaici che mettono l’eccedenza a disposizione di un numero più consistente di soci consumatori che possono essere anche utenze domestiche. Questo sistema genera un meccanismo virtuoso grazie al quale la CER aumenta la sua autosufficienza energetica ricevendo un premio dallo Stato proporzionale all’energia realmente condivisa come minori costi energetici per l’intera comunità o interventi a ricaduta sociale per il territorio. Il Comune di Cento è stato un precursore e nel 2022 con il supporto di AESS ed Energy Intelligence ha colto l’occasione di un Bando della Regione per promuovere lo studio di fattibilità e il 19 giugno si è costituita Cento Comunità (Cento C). Fra i principali obiettivi: la condivisione dell’energia green prodotta dagli impianti fotovoltaici disponibili sul territorio, l’installazione di nuovi impianti, interventi di efficienza energetica, la riduzione dei costi energetici e il contrasto alla povertà energetica, oltre alla promozione di nuovi servizi energetici. Progetto destinato ad ampliarsi a più soci o replicata su territori adiacenti. La prima configurazione di Cento Cer partirà all’interno dei confini del territorio servito dalla cabina elettrica primaria di Cento un’area corrispondente a circa 120 kmq - 90% del territorio comunale con estensione ad aree di altri Comuni limitrofi. Entro il 2025 si potrebbe verosimilmente raggiungere una potenza fotovoltaica di oltre 2 MWp generando energia condivisa per 1 mln kWh/anno, pari al consumo medio di oltre 300 famiglie. L’idea portante è quella di stimolare e aggregare nella Cer nuovi impianti fotovoltaici. Il sindaco Accorsi sottolinea come si possa "mettere a sistema investimenti che avranno ricadute positive non solo per produzione di energia". Hanno aderito: Bonaveri, Negrini, Inci, La Città verde, Manservisi Energy, A.B.Trasmissioni, Bonora, Andalini, Fondazione Zanandrea, Plattis.