La pavimentazione stradale rappezzata dopo l’installazione della fibra ottica
La pavimentazione stradale rappezzata dopo l’installazione della fibra ottica

Ferrara, 4 dicembre 2018- Ancora problemi e proteste per l’installazione della fibra ottica. A intervenire, con un’interpellanza, è Alessandro Balboni di Fratelli d’Italia, che evidenzia come in alcune zone della città, ed è il caso di via Righini (zona via Comacchio), «le bocche dei tombini prossimi ai punti di posatura della fibra paiono parzialmente occlusi da materiale cementizio». La foto allegata da Balboni nell’interpellanza è eloquente: «Questo tipo di lavoro rappresenta un pericolo, in quanto impedirà il normale deflusso delle acque piovane». La segnalazione si aggiunge alle tante già sul tavolo dell’amministrazione: il 20 ottobre scorso, si ricorderà, gli assessori Modonesi e Serra sono intervenuti nei confronti della società Open Fiber, bloccando 17 autorizzazioni per la posa di cavi. «Pare che l’azienda non abbia ripristinato l’asfalto: in molte vie i danni sono considerevoli, in quanto gli interventi sono stati approssimativi e male eseguiti». Di qui il pungolo al sindaco e all’assessore ai Lavori Pubblici: «Come intende muoversi il Comune nei confronti di Open Fiber per ottenere il totale ripristino dell’asfalto nelle strade interessate dagli interventi per il cablaggio?».