Forza Italia serra i ranghi: "Puntiamo al 10%"

Il commissario provinciale Toselli all’inaugurazione della nuova sede: "Alle amministrative siamo saldamente accanto a Fabbri"

Forza Italia serra i ranghi: "Puntiamo al 10%"

Forza Italia serra i ranghi: "Puntiamo al 10%"

Forza Italia serra i ranghi. L’occasione è l’inaugurazione della nuova sede di via don Tazzoli, che sancisce "l’allargamento e la sempre maggior appetibilità del partito". Il commissario provinciale Fabrizio Toselli ne approfitta per lanciare la sua candidatura a coordinatore – in vista del congresso di metà dicembre – ma il vero punto politico della discussione è l’appuntamento elettorale di giugno. Le amministrative. Per Toselli in questi quattro anni di governo a Ferrara "Forza Italia ha dimostrato di avere donne e uomini in grado di governare con competenza e visione. Noi siamo saldamente accanto ad Alan Fabbri e siamo certi che potremmo ancora essergli molto utili". Anzi, l’aspirante coordinatore si spinge oltre – forte del tesseramento che, in provincia, ha registrato un buon risultato in termini numerici – : "A Ferrara puntiamo a ottenere il 10%. È un risultato alla nostra portata. Il partito sarà la vera sorpresa sia delle Europee che delle amministrative".

I vertici regionali del partito – la consigliera Valentina Castaldini e la deputata Rosaria Tassinari – annuiscono e danno la ‘benedizione’ alla nuova sede. L’assessore Matteo Fornasini incassa i dividenti anche del primo cittadino che, arrivato in tarda mattinata per un saluto, definisce gli azzurri "alleati leali e preziosi". "In questi anni – scandisce il sindaco – Forza Italia ha dato un grande contributo sia in Consiglio Comunale che in giunta, sviluppando iniziative e misure su temi tradizionalmente cari agli azzurri: dalla vicinanza alle categorie produttive, passando per l’abbassamento della pressione fiscale". Insomma, l’alleanza con FI è "già sancita", dice Fabbri. Non poteva mancare, nell’occasione, un riferimento alla campagna elettorale. "Mi pare che a sinistra ci sia della gran confusione – spiega il sindaco – e voglio sperare, per divertirmi un po’ in campagna elettorale, che il candidato non sia rissoso ma che si concentri sui temi per dare una risposta in termini di visione alla nostra idea di città". Sì perché se c’è una cosa che va chiarita è che "noi siamo questi: il nostro modo di fare politica – conclude il primo cittadino – è quello che abbiamo impostato in questi anni. Non siamo per la politica dei salotti radical chic, non siamo per i pregiudizi ideologici ma siamo per il pragmatismo e per il buon governo". Forte dell’endorsment, Fornasini fa un passaggio ricordando il lascito politico del "presidente Berlusconi, che cammina sulle nostre gambe" e poi ricorda le "tante iniziative a favore di cittadini e imprese che questa amministrazione, soprattutto grazie al contributo che FI ha portato avanti".

Federico Di Bisceglie