Furti a raffica in ville e condomini. Scattano i controlli su 60 persone

Portomaggiore, i militari della compagnia locale hanno setacciato il territorio alla ricerca dei malviventi. Nell’ambito dell’operazione anche tre persone denunciate per smaltimento irregolare di rifiuti speciali. .

Furti a raffica in ville e condomini. Scattano i controlli su 60 persone

Furti a raffica in ville e condomini. Scattano i controlli su 60 persone

L’ultimo ladro in azione, hanno cercato di bloccarlo l’altra notte nel centro di Portomaggiore, ma è riuscito a fuggire dopo essersi intrufolato in un appartmento. Per sua sfortuna è stato disturbato da un vicino ed è stato costretto a darsi alla fuga a mani vuote. In questo periodo a Portomagigore e nei territori limitrofi, i ladri si danno un gran da fare. I controlli dei carabinieri sono stati rafforzati, soprattutto nelle ore notturne. E, da sempre, il comando generale dell’Arma rilancia vademecum sul sito www.carabinieri.it, per prevenire le insidie più fastidiose. Fondamentale resta la collaborazione fra vicini. E, poi, bisogna sempre ricordarsi di chiudere il portone d’ingresso del palazzo. Altro consiglio fondamentale: non aprire mai se non si sa chi ha suonato. I carabinieri suggeriscono di installare antifurti collegati al 112, grate alle finestre e vetri antisfondamento se si è al piano terra, poi ancora video citofoni, porte blindate e casseforti. Porprio in questo senso si vanno a inserire i controlli dei carabinieri della compagnia di Portomaggiore che hanno messo in campo un servizio straordinario nelle aree residenziali per prevenire la commissione di reati predatori, in particolar modo dei furti in abitazione, sottoponendo a minuziosi controlli una quarantina di veicoli e oltre sessanta persone, ritenuti di interesse operativo. Nel contempo, coadiuvati dai colleghi del nucleo antisofisticazioni e sanità (n.a.s.) carabinieri di Bologna, del nucleo ispettorato del lavoro (n.i.l.) carabinieri di Ferrara e del nucleo carabinieri forestali di Portomaggiore, hanno dato corso anche a controlli finalizzati a contrastare illeciti in materia di sostanze stupefacenti, igiene degli alimenti, tutela del lavoro e dell’ambiente. Il bilancio delle attività dei Carabinieri della Compagnia Portuense e dei colleghi dei “Reparti Speciali” è di tre persone denunciate all’Autorità Giudiziaria estense per violazioni in materia di documenti di identità e di gestione di rifiuti speciali pericolosi, con il sequestro, in questo ultimo caso, di oltre 10 kg di fitofarmaci non smaltiti secondo le norme vigenti. Altre due persone sono state sanzionate amministrativamente per 2.000 e 2.500 euro, per avere, rispettivamente, abbattuto oltre sessanta alberi in area ambientale protetta e per aver impiegato due lavoratori “in nero” in un’attività imprenditoriale. In quest’ultimo caso, è stata disposta anche la sospensione dell’attività.