GORO, esercitazione interforze per simulare un principio d'incendio

Esercitazione interforze a Goro: ieri mattina Guardia Costiera, Vigili del Fuoco e Cantiere del Delta hanno simulato un principio d'incendio con un ferito a bordo e un piccolo sversamento di carburante. Tutti i mezzi e le tecniche sono stati testati con successo.

GORO, esercitazione interforze per simulare un principio d'incendio

GORO, esercitazione interforze per simulare un principio d'incendio

Un’imbarcazione con un principio d’incendio nella banchina del porto, con un ferito a bordo ed un piccolo sversamento in acqua di carburante. Fortunatamente non è successo veramente, ieri mattina, presso il "Cantiere del Delta" di Goro, ma si è trattato di un’esercitazione interforze, della Guardiacostiera di Goro intervenuti con una pattuglia terreste ed un battello veloce nonché i Vigili del Fuoco, distaccamento di Codigoro, intervenuti con 2 mezzi terresti ed un gommone.

Il personale del Cantiere navale ha isolato il pontone interessato dall’esercitazione provvedendo ad allontanare le altre unità limitrofe. Un’esercitazione diretta dalla guardiacostiera di Goro che ha anche messo in sicurezza l’area mentre il battello ha controllato il traffico navale in zona evitando che le unità in transito si avvicinassero all’area dell’esercitazione. Quattro unità dei Vigili del Fuoco hanno provveduto, con un primo intervento, allo spegnimento e circoscrizione dell’incendio, successivamente hanno soccorso la persona ferita a bordo, intrappolata nella cabina di comando,u applicando le Tecniche di Primo Soccorso Sanitario (Tpss) e trasportata sulla banchina per l’eventuale pressa in carico da parte del personale sanitario. Il Capo Distaccamento Marco Nardini assieme ad un collega, per fronteggiare il piccolo sversamento in mare, hanno disposto sulla superficie dell’acqua, delle panne galleggianti, bianche e rettangolari, impiegate nell’assorbimento di liquidi inquinanti, maggiormente efficaci in caso di perdite non eccessive, rispetto alla barriera galleggianti che hanno un effetto più di contenimento su grandi spargimenti di idrocarburi o altro. Un’attività sinergica interforze che esprime l’importanza di una proficua collaborazione e di un costante addestramento finalizzato alla sempre maggiore sicurezza per i cittadini. L’esercitazione di ieri mattina, rientra tra le attività che l’Autorità marittima organizza con cadenza semestrale, a giugno e dicembre, al fine di verificare l’efficienza dei mezzi di soccorso, testando l’efficacia e la preparazione di intervento, nonché di verificare la preparazione e prontezza operativa di tutte le componenti.

cla. casta.