Ferrara, 12 maggio 2018 –  Mentre lui, Norbert Feher, per tutti Igor il russo, nel carcere spagnolo continua a rimanere in silenzio, le indagini nei suoi confronti vanno avanti. E dopo gli omicidi (tre più due tentati), ecco che ieri sera gli è stato notificato un mandato di arresto europeo per le tre rapine commesse nel Ferrarese assieme alla banda Pajdek nel 2015. Rapine per le quali è già a processo e il 18 ottobre, giorno dell'udienza, potrebbe comparire sugli schermi del tribunale estense in videoconferenza dalla sua cella spagnola.

"Sul suo conto - spiega il comandante provinciale dell'Arma ferrarese, Andrea Desideri (VIDEO)- era stato emesso un provvedimento di natura cautelare già nel 2016 per tre rapine commesse. Dopo la sua cattura avvenuta il 15 dicembre, abbiamo dato avvio all'internalizzazione nei suoi confronti trasformando quel provvedimento in mandato di arresto europeo".

image

E le rapine alle quali deve rispondere sono quelle di Villanova del 26 luglio 2015 ai danni di Alessandro Colombani, di Mesola del 31 luglio ai danni di Emma Santi, rimasta legata e imbavagliata nel letto per 48 ore, e del 5 agosto a Coronella nei confronti di Cristina e del padre Giulio Bertelli. "Reati efferati - continua il colonnello -, commessi nei confronti anche di una novantenne, quale era la signora Santi".

L'indagine, del comando ferrarese in collaborazione con quello bolognese, va avanti su più fronti. Primo: sugli eventuali complici che avrebbero coperto e aiutato Feher a fuggire dall'Italia dopo gli omicidi Fabbri e Verri. Secondo: capire se esistono nuovi episodi mai emersi da contestare al serbo. "Nuovi indagati? - continua Desideri - Stiamo andando avanti, ma al momento non posso dire altro".

Mentre sulle nuove presunte contestazioni: "Le stiamo vagliando assieme al procuratore Castaldini". Infine sulla sua ipotetica presenza nell'omicidio di Pier Luigi Tartari dopo il fascicolo aperto dalle parole di Patrick Ruszo ("quella notte c'era anche Igor"): "Al momento - chiude Desideri - non abbiamo elementi in tal senso".   

image