Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Il cordoglio di Cia per la scomparsa di Marchesini

Cia, la comunità di agricoltori della quale faceva parte in maniera attiva da molti anni, si unisce al cordoglio per la scomparsa di Moreno Marchesini. Un agricoltore, un dirigente illuminato, un papà, un marito e una persona perbene, che ha lasciato un segno profondo in tutti coloro che lo hanno incontrato e frequentato in tanti anni di attività. Tutta Cia Ferrara è rimasta sgomenta dopo l’annuncio: il direttore Luca Simoni, il presidente Stefano Calderoni, i dipendenti dell’associazione che lo incontravano spesso negli uffici e per i quali aveva sempre un sorriso e una parola gentile e soprattutto i colleghi imprenditori, con i quali ha condiviso molte lotte e che ha sempre tutelato anche “da fuori”, come presidente di C.A.S.A Mesola. "Abbiamo scelto di aspettare alcuni giorni prima di parlare pubblicamente della scomparsa di Moreno – ha detto Stefano Calderoni, presidente di Cia Ferrara - perché abbiamo preferito rimanere in primo luogo vicino alla famiglia, che sta vivendo momenti di inimmaginabile vuoto per questa perdita inaspettata. Inaspettata perché Moreno era pieno di vita e perché 70 anni sono davvero pochi per lasciare questa terra, soprattutto se si hanno ancora tante cose da dare anche alla propria comunità. Inaspettata perché Moreno Marchesini era una persona forte, capace di lottare per i propri ideali. Era un agricoltore a fianco degli agricoltori e lo ha ampiamente dimostrato come presidente di C.A.S.A Mesola nei suoi 18 anni di mandato".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?