Quotidiano Nazionale logo
9 mag 2022

"Il ministero tace Il sindaco Alan Fabbri parli con Giorgetti"

nicola minarelli *
Cronaca
Minarelli, segretario provinciale del Pd
Minarelli, segretario provinciale del Pd
Minarelli, segretario provinciale del Pd

di Nicola Minarelli *

L’interruzione delle attività di cracking, quale realtà capace di garantire la produzione delle materie prime necessarie alla produzione di polimeri ed intermedi, pone un grave punto interrogativo sul domani degli impianti a valle, a cui rientrano a pieno titolo quelli di Ferrara. E se ad oggi siamo a questo punto, ossia l’arrivo del giorno della ferma degli impianti senza che sia stato dettagliato un piano per il futuro di quelle realtà come quella ferrarese, non è certo perchè i lavoratori e le loro organizzazioni sindacali non abbiano suonato campanelli d’allarme per tempo. Piuttosto, a colpire e a dover essere corretta, è l’azione unilaterale dell’azienda che dopo un anno rimanda ancora a fornire un progetto di dettaglio o di attuazione della chiusura del cracking di Marghera. E ciò - va detto - nel perdurante silenzio del Ministro dello Sviluppo Economico, a cui pure spetta legalmente un ruolo chiave nell’indirizzo di ENI, essendo quest’ultima una realtà controllata dall’esecutivo. Al Sindaco Fabbri chiediamo sempre di farsi promotore con l’esponente della sua stessa forza politica. Sulla questione oltre alle iniziative svolte dal PD della città di Ferrara, dai Consiglieri dei gruppi Dem sia del Comune che del consiglio provinciale, all’iniziativa pubblica di febbraio, siamo impegnati da tempo a sollecitare le Istituzioni, i Parlamentari, la Regione in primis, che sta garantendo un attivismo per noi imprescindibile. All’Assessore Colla, resosi promotore di attività come la convocazione del tavolo per la chimica e di tavoli specifici tra aziende, governo e organizzazioni sindacali, chiediamo di continuare su questa strada con determinazione, come condiviso nell’incontro del 23 febbraio scorso. Il bisogno di un progetto d’area più vasto, che attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti preposti faccia del Petrolchimico un esempio di trasformazione all’avanguardia per la ricerca ed il futuro della chimica in generale diventa più che mai urgente, oltreché una chiave possibile per garantirne le necessità di approvvigionamento e, dunque, di continuità della produzione. Per Ferrara la chimica è Lavoro, quello con la L maiuscola. Al presidio organizzato per la giornata di sciopero il PD provinciale e il PD del Comune di Ferrara saranno presenti con una propria delegazione in segno di solidarietà con le lavoratrici e i lavoratori.

* segretario provinciale Pd

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?