FEDERICO MALAVASI
Cronaca

Il nodo galleria Matteotti. Street tutor, vertice dal prefetto: "L’attenzione rimane alta"

Appuntamento venerdì per fare il punto sulla sorveglianza e valutare eventuali cambi. Si valuterà se e come rimodulare l’attività anche in vista degli eventi e delle feste di Natale.

Il nodo galleria Matteotti. Street tutor, vertice dal prefetto: "L’attenzione rimane alta"

Il nodo galleria Matteotti. Street tutor, vertice dal prefetto: "L’attenzione rimane alta"

Galleria Matteotti rimane un nervo scoperto. Soprattutto nei periodi dell’anno in cui è più frequentata da giovanissimi che non sempre tengono atteggiamenti consoni. Fino, in certi casi, a sfociare in episodi di microcriminalità. Proprio come accaduto sabato pomeriggio, quando un ragazzo straniero ha strappato di mano il cellulare a una street tutor della Securfox per poi essere bloccato e arrestato dopo un breve inseguimento. Anche all’indomani di quest’ultimo episodio, nei prossimi giorni si terrà un incontro tra Comune, questura e prefettura per fare il punto della situazione su un servizio – quello degli street tutor appunto – nato allo scopo di prevenire comportamenti inadeguati e garantire il rispetto del decoro urbano in centro e nelle zone della movida (ovviamente al fianco delle forze dell’ordine, alle quali rimane il compito di gestire la sicurezza).

La data scelta è quella di venerdì. L’obiettivo, stando a quanto trapela, è quello di valutare l’andamento del progetto e capire come lo si possa migliorare, anche alla luce della situazione attuale. In quell’occasione, dopo aver stilato un bilancio dell’attività degli street tutor dalla loro ‘attivazione’ a giugno, si deciderà se ritoccare le regole di ingaggio, aumentare o rimodulare il servizio, anche a seconda delle esigenze e delle eventuali criticità del momento. Su questi temi già ieri ci sarebbe stata un’interlocuzione informale che approderà a qualcosa di più concreto nel summit di venerdì. Una sorta di ‘rodaggio’, dunque, per un progetto che sta dando i propri frutti e che rappresenta un pilastro importante per la sicurezza, soprattutto in centro storico e nelle vie della movida. Ne è testimonianza proprio l’episodio accaduto lo scorso weekend, quando un’operatrice della Securfox è stata scippata del cellulare da un ragazzo che aveva appena redarguito per i suoi comportamenti di disturbo. La pronta reazione degli operatori al furto ha permesso l’arrivo tempestivo dei carabinieri e l’arresto del ragazzo, poi messo ai domiciliari.

Il confronto di venerdì servirà anche per valutare quali siano a oggi le zone più problematiche ed eventualmente valutare il da farsi, magari ricalibrando il servizio. Il tutto anche in previsione del periodo natalizio con i suoi eventi. Già dalle prossime settimane, infatti, il centro storico inizierà come ogni anno a riempirsi di turisti e ferraresi per le iniziative e gli acquisti natalizi. Una ragione in più per mantenere e – se necessario – potenziare un servizio che sta dando buoni frutti e che rappresenta un importante aiuto per le forze di polizia, almeno dal punto di vista della prevenzione e della deterrenza da comportamenti scorretti e azioni di microcriminalità. Per quanto riguarda infine la situazione di galleria Matteotti e le preoccupazioni spuntate da più parti dopo l’episodio di sabato, il prefetto Massimo Marchesiello spende qualche parola per rassicurare. "La galleria è monitorata da tempo – ha detto –. L’attenzione per quell’area c’è e ci sarà".