Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 mag 2022

Il Palio portuense in trasferta "Esportiamo le nostre tradizioni"

A Cicciano (Napoli), dodici figuranti porteranno la storia e i costumi degli Este provando a vincere l’edizione

22 mag 2022
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi
La delegazione in partenza è stata salutata dal sindaco Dario Bernardi

Partenza ieri mattina da piazza Umberto I di una delegazione del Palio portuense per la missione al Palio del Casale di Cicciano, in provincia di Napoli, salutata dal sindaco Dario Bernardi. "In bocca al lupo e tenete alto lo stendardo di Portomaggiore. Sono eventi molto belli, che creano legami importanti e uniscono le comunità, ed è bello che ci sia una associazione viva e attiva come questa a tenere alto il nome di Portomaggiore portandolo in giro per l’Italia", è stato il suo augurio.

Si tratta di una delegazione composta da dodici figuranti è partita alla volta di Cicciano in provincia di Napoli, nuova location del Palio del Casale, dove festeggerà, dopo due anni di ritardo causa emergenza sanitaria Sars-Covid 19, i dieci anni di partecipazione a questa importante manifestazione, che ha visto il Palio di Portomaggiore aggiudicarsi il primo posto all’edizione del 2010. Nel corso della manifestazione, che entrerà nel vivo oggi, i membri del Palio Portuense terranno alto il nome del territorio portando a Cicciano la storia e i costumi degli Este che a partire dal Duecento fino al Rinascimento ha caratterizzato fortemente il territorio e sarà anche l’occasione per consolidare amicizie, collaborazioni, partecipazione ad eventi futuri e chissà, magari vincere anche la corsa degli asini come nel 2010, così si augura il presidente della associazione, Monica Malagolini.

La tradizione del Palio del Casale affonda le proprie radici in un passato lontano, più precisamente nel maggio del 1768, quando l’intera popolazione di Camposano si radunò in piazza per festeggiare la fine della tirannia e la conquista dell’indipendenza avvenuta l’anno prima dalla città di Nola. Nasce così il Palio degli asini, che oggi vede qui protagonisti i campioni regionali d’Italia e non solo in questa specialità, in questi ultimi anni il Palio del Casale ha ospitato anche altre nazioni come: Marocco, Pakistan, Croazia Tunisia.

Franco Vanini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?