Il voto su Soelia divide la minoranza. La Lega si astiene, Azzalli irritata

Argenta, mentre i civici e Forza Italia bocciano il bilancio, il Carroccio preferisce non sbilanciarsi

Il voto su Soelia divide la minoranza. La Lega si astiene,  Azzalli irritata

Il voto su Soelia divide la minoranza. La Lega si astiene, Azzalli irritata

C’eravamo tanto amati. L’approvazione del bilancio di Soelia, la municipalizzata con i conti in sofferenza, con l’astensione della Lega potrebbe avere ricadute politiche e segnare la fine del possibile accordo di coalizione per le prossime amministrative. Al voto in consiglio comunale, mentre Gabriella Azzalli, candidata sindaco con già l’appoggio di Fratelli d’Italia, Rete Civica e Forza Italia, ha votato contro i 5 Stelle erano assenti e la Lega si è astenuta.

Finora il capogruppo e leader locale del Carroccio Ottavio Curtarello, che nella precedente tornata era il candidato sindaco della coalizione, non ha preso posizione per le amministrative; di certo l’astensione su un tema così importante non aiuta a coagulare consenso nel polo di civico e di centrodestra. Posizione stigmatizzata dalla stessa Gabriella Azzalli: "Trovo incomprensibile il voto di astensione da parte della Lega, che ha affermato di voler guardare al futuro, ma per costruire il futuro è doveroso fare chiarezza sulle responsabilità del passato, se non giudiziarie quanto meno politiche. Probabilmente le intenzioni erano altre, ma il mio timore è che questo voto possa produrre sconcerto anche fra i tanti elettori che alle scorse elezioni hanno votato per il cambiamento".

Curtarello ha motivato così l’astensione: "E’ inutile un giudizio che guarda indietro. Politicamente è un voto non verso la giunta, ma verso i dipendenti e i cittadini". Nel frattempo porte girevoli per la dirigenza di Soelia: dal 20 ottobre ha salutato il direttore generale Fabio Candeloro, che negli ultimi tre anni ha tenuto il timone, che ha terminato il suo incarico onorando l’impegno che si era preso. Il suo ruolo sarà ricoperto a interim da Alfonso Ponticelli, amministratore unico di Soenergy al quale il sindaco Andrea Baldini ha chiesto di fare un passo avanti nei prossimi mesi assumendo il ruolo di temporary manager di Soelia. Inoltre del consiglio di amministrazione farà parte Paola Castagnotto. Nel corso di presentazione del bilancio l’avvocato Alfonso Ponticelli ha chiarito che "Soenergy avrebbe dovuto fermare l’attività al 2016, aver proseguito ha aggravato i conti".

La gestione di Soelia e della controllata Soenergy con il relativo maxi debito ha indotto la giunta Baldini ha chiedere ai precedenti amministratori i danni, stimati in 3,5 milioni, più un altro milione di ritardato pagamento. Amministratori e sindaci revisori sono già stati condannati dal tribunale, ma hanno fatto ricorso in appello. I 4,5 milioni di danni si conta di incassarli attraverso le assicurazioni. Insomma, da qui alle prossime elezionui, il dibattito politico rischia di infiammarsi.

Franco Vanini