Prigione
Prigione

Ferrara, 16 dicembre 2018 - Due detenuti nel carcere di Ferrara hanno dato fuoco ai materassi e a tutto quello che trovavano nel carcere di Ferrara, impedendo poi - muniti di lamette - il pronto intervento degli agenti penitenziari. A darne notizia é il segretario regionale della UilPa Polizia Penitenziaria, Domenico Maldarizzi.

Alcuni degli agenti sono rimasti leggermente intossicati durante le fasi di intervento per bloccare i due, entrambi di origine maghrebina, ed anche per mettere al sicuro gli altri detenuti, oltre che gli stessi autori della protesta. Le fiamme sono state poi spente dai vigili del fuoco.

Tutto il personale intervenuto - spiega Maldarizzi - ha concluso il proprio turno di servizio, nonostante le grandi quantità di fumi inalati e si é recato quindi al Pronto soccorso cittadino per effettuare accertamenti. "Il ministro Bonafede - conclude il segretario regionale della UilPa Polizia penitenziaria - qualche giorno fa durante la presentazione del calendario 2019 della Polizia Penitenziaria ha affermato che lo Stato dovrebbe dire agli agenti penitenziari grazie e scusate per le condizioni in cui vi abbiamo costretto a lavorare ma oggi più che scuse la Polizia Penitenziaria pretende condizioni di lavoro dignitose ed in sicurezza oltre a sanzioni esemplari per gli autori di queste azioni scellerate che, ancora oggi, nonostante tutti i proclami, tardano ad arrivare".

Infine, "al personale della Polizia Penitenziaria di Ferrara va il plauso di tutta la Uil Pa Polizia Penitenziaria per tutto quello che fanno per garantire l'ordine e la sicurezza sia all'interno che all'esterno della struttura nonostante la
scarsita' di mezzi e uomini".