Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 giu 2022

"Insegno i segreti della grafica"

Dopo la pensione, Umberto Gardenghi diventa docente dei giovani con un corso completamente gratuito

16 giu 2022
Umberto Gardenghi
Umberto Gardenghi
Umberto Gardenghi
Umberto Gardenghi
Umberto Gardenghi
Umberto Gardenghi

Donare un’esperienza libera di caratteri a stampa e colori. Tanto da farsi venire un’idea geniale. Succede a Vigarano dove Umberto Gardenghi, una vita dedicata alla casa editrice e alla grafica pubblicitaria, adesso che è in pensione, ha ideato il progetto ‘Baebae’, un cantiere di lavorazione di idee. E’ il corso completamente gratuito, per i ragazzi dai 14 ai 18 anni che già hanno formato un bellissimo gruppo e che tutti i martedì, per sette incontri e fino al 26 luglio, si incontrano per riflettere, conoscere e ideare animando il Centro Multimediale del paese.

"Ritengo che i ragazzi siano la cosa più importante che abbiamo e devono poter crescere creando – spiega -, sapendo leggere le immagini che li circondano, la grafica, le promozioni, le parole. Non voglio insegnare e non sarà mai per loro un altro giorno di scuola. Vorrei solo mettere a disposizione qualcosa che li aiuti a pensare, perché tutto quello che ci circonda è comunicazione". Gardenghi, vigaranese doc, è un grafico editoriale, ha iniziato la sua carriera a Milano, poi ha avuto uno studio grafico, dagli anni 80 al 2013 è stato titolare della Tipolitografia (TLa) Artigiana a Ferrara con 15 dipendenti, lavorando per grosse aziende e case editrici. Ora è in pensione: "Ho amato il mio lavoro – dice - e adesso vorrei che i ragazzi imparassero non a studiare ma a pensare. Ho incontrato persone con idee incredibili. Voglio ridare ai ragazzi del mio paese qualcosa che ho ricevuto". Il prossimo incontro è sui caratteri tipografici, poi i modi di dire, l’utilizzo di Photoshop e Quark Xpress, come nasce un libro e come nasce un evento.

"Nasce per realizzare un evento dentro all’evento - aggiunge - . C’è tutto quello che è comunicazione verbale, multimediale, fotgrafica. E’ un modo per conoscere e utilizzare i colori, che sono importantissimi, nella vita, per incontrare i caratteri a stampa che sono più di 300 e saperli utilizzare e collegare ad un libro, ad un depliant ma anche al nostro carattere del pensare e dello scrivere. Cercheremo insieme di capire come utilizzare, nel modo giusto, i colori e le immagini a secondo dei temi che vengono trattati. Non siamo a abituati a vedere e recepire queste cose. Sono certo che ragazzi ci insegneranno il loro punto di vista, le idee". Poi un ringraziamento "All’amministrazione comunale - dice Gardenghi - che ha accolto l’idea e ci ha dato gli spazi".

Claudia Fortini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?