Jova Beach Party, Jovanotti sarà a Estensi il 20 agosto
Jova Beach Party, Jovanotti sarà a Estensi il 20 agosto

Ferrara, 25 gennaio 2019 - Prende le difese del Jova Beach Party, Maura Tomasi, parlamentare e capogruppo comunale della Lega. «Guardo all’ambiente con un occhio di riguardo – dice – ma quando si sconfina nell’esagerazione non ci sto e difendo la scelta del Comune». A indispettirla sono i reiterati attacchi al concertone del 20 agosto a Estensi, alle cui spalle c’è la duna dove il fratino, specie protetta, vive e nidifica. «Prima le polemiche di Menotti Passarella, poi l’appello del’Enpa di cambiare location. ll troppo storpia : cantante e organizzazione hanno dato garanzie per salvaguardare la duna. «Chi dice che il 20 agosto i lidi sono pieni di turisti e non hanno bisogno di eventi, parla a vanvera – continua – la serata di Jovanotti intrattiene chi è in vacanza e attira un pubblico trasversale».

Jova è per tutti, è attento all’habitat ed è messaggero della campagna del WWF contro l’abbraccio mortale della plastica. «D’accordo il rispetto per la natura, ma in questo caso ci sono garanzie di tutela, esagerare fa perdere valore alle battaglie ambientaliste – dice Nicola Bocchimpani, presidente di AsBalneari Schacchi, Pomposa, Nazioni – il concerto è un’ottima occasione per Comacchio e forse lo è anche per debellare il campeggio abusivo che ogni estate insidia la duna della spiaggia libera». Stessa reazione di Gianni Nonnato del Consorzio di Nazioni: «Siamo più che favorevoli al Jova Beach party – dice – una data di richiamo che fa bene all’immagine».

Giudizio positivo di Gianfranco Vitali, presidente di Ascom Comacchio: «Applaudiamo alla scelta confermata dall’Amministrazione anche ieri al Tavolo del Turismo – dice – il concerto rilancia il territorio, coinvolge persone di tutte le età e non porta scalmanati». Pollice alzato anche da parte di Giuseppe Carli, responsabile Sib-Confcommercio: «Siamo un Comune turistico – ricorda – non possiamo restare ingessati. Perché Enpa non si focalizza su cose più serie?». Gli fa eco Luca Callegarini di Confesercenti e presidente della cooperativa degli stabilimenti di Volano. «Guai se saltasse il concertone, sarà un buon biglietto da visita per il futuro dei lidi», spiega. «Erano anni che non c’era un evento del genere – dice Nicola Ghedini, Cna balneatori – ne abbiamo bisogno. Gli ambientalisti hanno ragione nel chiedere attenzione per l’habitat, ma dovrebbero farlo in ogni occasione necessaria».