Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Ketamina ai ragazzi Pusher in manette

Blitz durante una serata nel sottomura. Il giudice ha disposto per lui il divieto di soggiorno a Ferrara

14 giu 2022
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica
Una pattuglia dei carabinieri durante un controllo nel sottomura Il giovane è stato sorpreso durante la serata di domenica

Si trovava nei pressi di una festa di ragazzi con otto dosi di sostanze stupefacenti. È finito, così, in manette un giovane straniero che domenica sera è stato intercettato nel Sottomura con le tasche piene di ketamina. I carabinieri del Radiomobile della compagnia di Ferrara – di concerto con gli addetti al servizio di sicurezza della manifestazione musicale ‘Open Air’, in corso in queste settimane negli spazi verdi adiacenti a via Baluardi – hanno controllato l’area dell’iniziativa. Un’operazione che rientra a tutti gli effetti in un più ampio quadro di servizi di prevenzione e repressione dello spaccio di stupefacenti, soprattutto negli ambienti frequentati da ragazzi giovani. Come detto, domenica in tarda serata, i militari dell’Arma hanno intercettato e fermato per un controllo un 25enne extracomunitario, sospettato di vendere droga ai partecipanti all’evento.

Dopo aver bloccato il presunto pusher, i carabinieri lo hanno perquisito: nelle sue tasche sono stati ritrovate otto dosi di ketamina (un farmaco usato per aumentare il senso di euforia) e centocinque euro in banconote di piccolo taglio. Oltre a tutto ciò, addosso gli sono state trovate anche alcune collanine d’oro, delle quali momento si sta accertando la provenienza. Per questi motivi, i militari hanno accompagnato al comando un 25enne originario del Camerun ma residente nel Pavese: per lo straniero, già noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti, sono scattate le manette e il trasferimento nelle camere di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida.

Processo per direttissima che si è tenuto, per l’appunto, ieri pomeriggio. Il giudice ha per prima cosa convalidato l’arresto e poi ha imposto all’extracomunitario il divieto di ritorno nella nostra provincia, rinviando l’udienza dibattimentale al 5 luglio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?