La frase trovata su uno specchio in un casolare al confine tra Bologna e Ferrara
La frase trovata su uno specchio in un casolare al confine tra Bologna e Ferrara

Bologna, 24 aprile 2017 - «Vi amazero!!!!». L’italiano non è perfetto, ma il senso è lampante. C’è uno specchio tondo in un casolare abbandonato tra Monestirolo e Portomaggiore, al confine fra Ferrara e Bologna, appoggiato su ciò che resta di un tavolo di legno. E su quello specchio qualcuno, molto di recente, ha lasciato la propria firma. Quella di Norbert Feher alias Igor Vaclavic? Nessuna certezza, ma tanti sospetti. Quelli che, alcuni giorni fa, hanno portato le forze dell’ordine ad un blitz in grande stile nel vecchio rudere che si raggiunge passando per Strada del Magone, tra distese immense di campi coltivati.

FOTO e VIDEO Il ministro Minniti contestato dagli amici della vittima 

MINNITI_22161525_171316

Lo specchio. Il fuggitivo, accusato ora di tre omicidi (Budrio, Portomaggiore e Fosso Ghiaia), potrebbe essere passato per quel casale. La ‘zona rossa’ fra Marmorta e Campotto, quella battuta palmo a palmo da più di due settimane dai carabinieri di Gis, Tuscania e Cacciatori di Calabria, è a pochi chilometri in linea d’aria. «Alcuni giorni fa – racconta un contadino indicando il vecchio rudere a due passi dalla Statale 16 –, in quella zona sono arrivate in massa le forze dell’ordine. E sono rimaste un bel po’...».

Entri e in ciò che resta ancora in piedi, puoi trovare di tutto: un divano, scaffalature in acciaio, tubi, ferro, damigiane. E un tavolino sopra al quale ecco spuntare uno specchio rotondo con una scritta su tre righe fatta con un dito nella polvere: «Vi/amaze/ro», seguita da quattro punti esclamativi.

«Il materiale è stato repertato e mandato ad analizzare», dice un inquirente, stoppando immediatamente la conversazione. Ma dando la sensazione che davvero dietro a quella frase potrebbe esserci la mano del killer serbo. Che in quel casolare potrebbe esserci transitato veramente. Di recente dopo gli omicidi o nei mesi scorsi, quando ancora era un ‘semplice’ ricercato per tre rapine commesse nel Ferrarese, la zona dell’Argentano è stata la casa di quello che tutti conoscevano come Igor il russo. Uno che prima girava armato di arco e frecce, poi è passato ai pugnali, infine a fucili e pistole. Lo si vedeva in bici con l’immancabile tuta mimetica.

Caccia a Igor segnalazioni da tutta Italia

Ciao bello’. Come ricorda ancora Giancarlo Bolognesi di Consandolo: «Igor prima mi puntò una balestra caricata con una freccia artigianale e mi costrinse a dargli i soldi. Poi mi lasciò pure una sorpresa». Nel mobile del garage, infatti, con una bomboletta spray dello stesso Bolognesi, Norbert/Igor si dilettò con una dedica: ‘Ciao bello’. Insomma, non sarebbe la prima volta che il rapinatore diventato killer lascia la sua firma. Il tutto mentre continuano senza sosta anche le ricerche a Marmorta e nelle campagne circostanti, dove sono state trovate le ultime tracce del ‘fantasma’’. Passano i giorni, Igor non si trova. Crescono frustrazione e nervosismo, ma nessuno vuole mollare.