La grande musica a Pomposa. Concerti davanti all’abbazia sulle note di Dalla e Modugno

Sei gli appuntamenti della rassegna che prenderà il via venerdì in memoria del monaco Guido. Si inizia con la suggestiva ’La vie en rose’. Trecento i posti a sedere e poi spazio sul prato.

La grande musica a Pomposa. Concerti davanti all’abbazia sulle note di Dalla e Modugno

La grande musica a Pomposa. Concerti davanti all’abbazia sulle note di Dalla e Modugno

POMPOSA

"Credo non ci sia modo migliore di celebrare la festa internazionale della musica dove quest’arte è stata creata dalla genialità del monaco Guido". Sono le parole del sindaco di Codigoro Alice Sabina Zanardi che ha presentato l’anteprima di venerdì prossimo e tutta la 59esima edizione di Musica Pomposa assieme agli assessori Francesco Fabbri e Graziella Ferretti. Complessivamente sei concerti, sempre a Pomposa col palco collocato di fronte alla millenaria abbazia che aumenta la suggestione di quello che i musicisti e i vari interpreti proporranno. "Il 21 giungo che coincide tra l’altro con l’inizio ufficiale dell’estate - ha proseguito il primo cittadino - con inizio alle 21,15 si susseguiranno le coreografie di Adriana Mortelliti eseguite dal Balletto di Milano, dapprima sulle note de ’La Vie en Rose’, le più belle canzoni francesi mentre nel secondo atto si esibirà sulle note indimenticabili, nel loro straordinario crescendo, del Bolero di Ravel". Tutti i concerti saranno ad ingresso gratuito e oltre alle 300 sedie ci si potrà sedere sul parco, come gli anni scorsi hanno fatto in tanti, turisti compresi provenienti dai sette lidi mentre alle 18 chi vorrà, su prenotazione allo Iat (0533.719110) al costo di 8 euro potrà effettuare delle visite guidate denominate "L’incanto dei luoghi". A seguire il 4 luglio l’omaggio a Lucio Dalla con ’L’anno che verrà’ attraverso la voce di Peppe Servillo, Javier Girotto sax soprano e baritono e Natalio Mangalavite piano, tastiere e voce. Nell’occasione il codigorese Rodolfo Valentino che ha acquistato il "Maggiolino" nero di Dalla, con la targa con le sue iniziali, all’interno il suo ombrello e l’effigie di Padre Pio al quale Dalla era molto devoto, lo posizionerà a fianco del palco. Si passa al 17 luglio con "Cosa sono le nuvole", "un omaggio a Domenico Modugno - continua - con un quartetto d’eccezione che vede la voce di Anna Maria Castelli accompagnata dalla chitarra di Adriàn Fioramonti, la fisarmonica di Thomas Sinigaglia e la batteria di Stefano Rapicavoli per uno degli artisti che ha venduto più dischi nel mondo e molti giovani forse non conoscono". Il 24 luglio il Galà Lirico che vede la soprano Elisa Balbo assieme alla mezzosoprano Martina Belli accompagnate dal pianoforte di Davide Cavalli, per un programma che spazia da Bellini a Rossini, da Offenbach a Bizet solo per citarne alcuni. Il 2 agosto saranno di scena i Filarmonici di Busseto con le Virtuosistiche Follie che vede al clarinetto Corrado Giuffredi, alla chitarra Giampaolo Bandini, alla fisarmonica Cesare Chiaccheretta e al contrabbasso Antonio Mercurio. La chiusura l’8 agosto con ’Anima Musicae Chamber Orchestra Budapest’. "Un programma con tanti tipi di musica - ha concluso Zanardi - proprio per le sensazioni che può suscitare ogni proposta".

c. c.