Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 apr 2022

"La mia Desiré voleva riprendere gli studi"

Il padre in lacrime ripercorre l’ultimo giorno in cui ha visto la figlia deceduta a Camerlona: "Era giovedì scorso, per il suo compleanno"

26 apr 2022

ARGENTA

"Era sua intenzione riprendere gli studi, che aveva abbandonato. Me lo aveva annunciato proprio lei giovedì scorso, quando ha compiuto 19 anni". Chi parla è Lorenzo Baldi, 65 anni, operaio di Soelia. Che racconta con dolore il suo ultimo ricordo, il suo ultimo incontro con la giovanissima figlia Desiré (foto dai social), morta sabato notte in un tragico incidente lungo la strada statale 16, tra Camerlona e Mezzano. "In quell’occasione – aggiunge il papà, con le lacrime agli occhi – le ho chiesto cosa volesse fare del suo futuro. Era diventata grande. E lei mi ha appunto manifestato la volontà di tornare a scuola, di frequentare di nuovo l’istituto d’arte -Severini Nevi- di Ravenna". Desirè nutriva infatti una grande passione per il disegno, la pittura. E ne sono una prova molti suoi lavori che conservava nella cameretta. Ma aveva avuto alcune esperienze lavorativi: come ad esempio in un bar di Lavezzola, a far la cameriera. Un mestiere che però ha interrotto.

Il giorno del suo diciannovesimo compleanno aveva comprato un vestito nuovo per festeggiare, ma che purtroppo il tragico destino ha voluto che non potesse più sfoggiare. Restano solo le foto. Il suo dolce sorriso. La sera della tragedia tornava da ballare, in compagnia, da una discoteca, in Romagna.

Con lei c’era il fidanzatino, l’amica del cuore, al volante dell’auto, ed altri due ragazzi: un maschio ed una femmina. I tre sono rimasti feriti (uno in maniera grave). Desirè, ha invece perso la vita, schiacciata sotto la vettura, carambolata nella scarpata. Ora la piangono i propri cari, i genitori, fratelli e sorelle, chi l’ha conosciuta e voluto bene, tutta la comunità. "Abbiamo comunque dato incarico ad un avvocato – spiega il padre – perché segua le indagini sull’incidente per accertare le eventuali responsabilità". La madre, che si chiama Immacolata Polanko, conosciuta come Marisa, ha 61 anni, è in pensione come ex addetta alle pulizie di uffici. Ieri pomeriggio non era in casa. Era andata a Ravenna, alla medicina legale per presenziare al doloroso riconoscimento della salma della sua Desiré. Ancora da stabilire la data del funerale.

Nando Magnani

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?