Mancano i medici (immagine d'archivio)
Mancano i medici (immagine d'archivio)

Ferrara, 29 aprile 2019 - Servono otto mesi ma a volte anche un anno prima di finire in sala operatoria per un intervento chirurgico all’ernia. E per chi è più fortunato il tempo di attesa può al massimo dimezzarsi. L’operazione all’ernia, in medicina, è definita un intervento chirurgico non complesso perché la patologia non è ritenuta grave e per questo motivo, non compromettendo la vita di un paziente, i tempi di attesa per finire ‘sotto i ferri’ si allungano sempre più, compromettendo però la qualità di vita de paziente che non può fare altro che attendere. Le cause dei tempi lunghi? Diverse e tutte molto complesse. Fra le prime c’è sicuramente il problema della carenza di medici anestesisti. L’azienda ospedaliera universitaria del Sant’Anna, nonostante dal 2015 ad oggi ne abbia assunti otto, non ha ancora risolto il problema.

La domanda di salute dei ferraresi ogni giorno che passa aumenta (siamo la provincia italiana con l’indice di anzianità fra i più alti del Paese) mentre dall’altra parte il personale medico e infermieristico non cresce adeguatamente alle risposte da fornire ai pazienti. Così il numero degli interventi continua a salire ma è sempre più difficile eseguirli in tempi brevi. E oggi, a Ferrara, servono mesi non solo per l’esecuzione di un intervento non urgente, ma anche per un visita chirurgica collegata a queste patologie.

Secondo i sindacati dei medici dirigenti, inoltre, a sfavore dei pazienti c’è anche la mancata integrazione, annunciata cinque anni fa, fra le due aziende sanitarie presenti sul territorio. "Un tentativo di collaborazione fra ospedale e azienda Usl per mettere in campo tutti gli strumenti possibili per ridurre le liste di attesa c’è stato ma è ancora troppo poco" dichiarano ancora i sindacati. Un recente accordo fra le due aziende, inoltre, permette, per due volte alla settimana e per sedute da sei ore, di trasferire da Cona ad Argenta un’équipe operatoria per eseguire gli interventi meno complessi.

Ad Argenta, ospedale di competenza dell’azienda Usl, esistono infatti piastre operatorie di buona qualità. Un’operazione che conferma anche il direttore generale dell’azienda Usl di Ferrara, Claudio Vagnini: "Con l’operazione che coinvolge Argenta in un anno la copertura degli interventi è passata dal 30 al 70% – precisa – ma sappiamo che dobbiamo fare di più".

L’idea dell’azienda Usl infatti sarebbe quella di implementare anche altre piastre operatorie presenti sul territorio, come Cento e Lagosanto ma c’è un nuovo ostacolo: nei presidi periferici continuano a mancare anestesisti e chirurghi "perché spesso queste strutture – dichiara senza veli Vagnini – sebbene siano all’interno del percorso formativo universitario, non vengono scelte perché non fanno curriculum". Poi aggiunge: "Non è dunque una questione di mancanza di specialisti ma è invece un problema legato al fatto che da noi arrivano a singhiozzo". Una questione che Vagnini affronterà in un incontro con il rettore di Unife Giorgio Zauli e i responsabili della facoltà di medicina fissato per il 3 maggio.