Il vicesindaco, con delega alla Sicurezza, Nicola Lodi mostra le foto delle panchine rimosse

Ferrara, 24 agosto 2019 - Rimuovere le panchine collocate negli spazi più angusti delle aree verdi cittadine, ricollocarle su richiesta dei residenti in luoghi dove l’arredo urbano è carente, e dar vita a un corpo di polizia giudiziaria all’interno della polizia locale per combattere il degrado. Si chiama ‘Operazione parchi sicuri’, è l’iniziativa lanciata dal vicesindaco Nicola Lodi. Un’azione che, per la stessa ammissione dell’assessore comunale alla Sicurezza della città estense «è destinata a fare trambusto».

A dare l’input all’operazione, una serie di segnalazioni da parte di cittadini. «Hanno osservato gruppi di bande – ha sottolineato Lodi –, che sono soliti occupare le panchine dei parchi più lontane dagli angoli visivi. Gruppi che, in più occasioni, occultano sostanze stupefacenti proprio al di sotto delle panchine. Panchine che dunque finiscono per non essere più utilizzate da anziani, o da bambini».

Da qui, è partita una fase di monitoraggio in spazi come il parco del Grattacielo, viale Belvedere, via Verga, viale Krasnodar, la zona di San Giorgio, via Bologna, via Modena. «Abbiamo monitorato – ha sottolineato Nicola Lodi –, circa una settantina di panchine. E già una decina, nella giornata di ieri, sono state rimosse dal parco del Grattacielo. Molte comunque le stiamo riposizionando in zone della città più vicine, per esempio, a giostre per bimbi. L’intenzione finale, infatti, è di reinstallarle a beneficio di chi ne ha bisogno».